Come si fanno i bambini? – Isabelle Jameson

Come si fanno i bambini?

Un bambino disegna tranquillamente mentre i suoi genitori si rilassano sul divano leggendo un giornale. Ecco una semplice domanda che arriva a bruciapelo a confondere i due adulti: “Come si fanno i bambini?”.

La mamma e il papà sono decisamente colti alla sprovvista. Si guardano e si chiedono se forse dovrebbero spiegare il concepimento in modi romanzati grazie all’esempio dell’ape e del fiore o forse meglio raccontare dei cavoli? o meglio ancora la cicogna? o meglio ancora dire al loro bambino tutta la verità. In modo un po’ goffo, i due adulti cercheranno di rispondere alle domande del loro bambino.

Riusciranno a spiegare come sono fatti i bambini?

Tutto inizia con una domanda semplice e banale che molti adulti temono. Come si fanno i bambini? di Isabelle Jameson e Maud Legrand pubblicato da Pulce Edizioni è un albo illustrato umoristico che ti permetterà di affrontare con sobrietà il tema del concepimento.


Una delle attrattive di questo libro è che l’autrice non limita il concepimento all’atto d’amore tra un uomo e una donna. È un album attuale che vuole essere di mentalità aperta. Presenta alcune delle varie forme, per quanto frammentate, che la famiglia può adottare.

Mentre i genitori cercano di uscire dal pantano in cui sono rimasti coinvolti dalle prime pagine, arriva la sorella maggiore e risponde alla domanda del fratellino in modo sconcertante e così appropriato alla sua richiesta!


Anche se questo album non spiegherà la concezione biologica di un bambino a tuo figlio, aiuterà i genitori a iniziare una discussione sulla famiglia. Inoltre, questo libro ti farà capire che è meglio non preoccuparsi troppo delle domande dei nostri figli, o meglio, che è importante comprendere appieno il contesto in cui viene posta la domanda 😉

Vi invito a scoprire questo album molto divertente che cerca di rispondere a questa famosa domanda che tutti i bambini un giorno vengono a fare ai loro genitori.

ACQUISTA IL LIBRO ADESSO QUI:

Voglio Anch’io – Gek Tessaro

Quando uscì dall’uovo il pulcino
aveva un atteggiamento così impettito e virile
che sua madre non trovò di meglio che chiamarlo
Pompeo Tiburzio.

A pochi giorni di vita, ammaliato dalla vista di uno stormo di cicogne in volo le chiese:
“Che cos’è?”.
“Sono cicogne”, rispose lei.
“Bello, voglio anch’io!” disse la cornacchietta.

Il sogno del piccolo volatile è diventare una maestosa cicogna. Ovviamente la madre e il padre tentano di dissuaderlo, ma a poco varranno i loro sforzi.
Ma Pompeo non si arrende. Si impegna, fa tanta ginnastica e studia geografia, materia fondamentale per le cicogne.
E finalmente la sua occasione arriva: un bambino deve nascere a un solo isolato di distanza e Pompeo deve effettuare la consegna!

Dopo una settimana di viaggio del piccolo Pompeo, arriva all’indirizzo, ma non c’è nessuna mamma in attesa di un bambino, c’è solo una ferramente!!!!
Che cosa è successo?!

Il piccolino in realtà ha sbagliato indirizzo, e purtroppo pure città, deve viaggiare da Perugia verso Venezia, ma il fagotto deve arrivare a destinazione prima, sconsolato, visto che è solo una piccola cornacchia e non riesce a fare molta strada, sta per arrendersi ma a chi chiedere aiuto?

Il viaggio di Pompeo Tiburzio lo porterà a conoscere un cavaliere, un elefante ed un leone, un fenicottero, viaggerò in treno e pure con i pirati insieme ai quali cercherà di raggiungere la terra promessa: il Veneto!
Solo consegnando un nascituro ai propri genitori, a Venezia, Pompeo Tiburzio potrà finalmente diventare una cicogna a tutti gli effetti.

Ma gli imprevisti, si sà possono essere dietro l’angolo!
Pompeo riuscirà a raggiungere Venezia in tempo?

Una cornacchietta piccola piccola con un sogno grande grande!

Gek Tessaro, autore e illustratore poliedrico, tradotto in diversi Paesi, torna a incantarci con Voglio Anch’io, edito da Terre di Mezzo. Questo è un racconto all’insegna dell’avventura e del divertimento.
Con il suo tipico stile il testo è accompagnata da coloratissime illustrazioni che danno vita ai personaggi con un tocco di ironia e brio.
I termini ricercati un po’ arcaici, le illustrazioni, gli intrecci improbabili lo rendono un racconto delizioso e sostanzialmente al limite con il comico.
Gek Tessaro gioca con i bambini, quando leggi un suo libro non devi sforzarti di interpretare, non devi prepararti prima, puoi improvvisare perché il libro è perfetto com’è e saprà arrivare al bambino anche senza alcuna mediazione.

Dice di se “Racconto storie con il disegno e so che è un privilegio perché quello di raccontare è il più bel mestiere del mondo”

Gek Tessaro disegna con collage, acrilico, acquerello, inchiostro, sperimentando, ma rendendo la sua firma riconoscibile sempre.

Voglio anch’io, indicato per i bambini dai 6/7 anni, è suddiviso in capitoli, prestandosi bene anche per leggerlo un po’ alla volta la sera 😉

Voglio anch’io è un racconto sicuramente per i bambini che amano le avventure, i cavalieri, i pirati, le cornacchie e ovviamente non possono mancare le cicogne 😀 Tutti assieme per una grande avventura!

Buona lettura!
Puoi acquistare il libro QUI: