Quanto è difficile essere genitori?!

Genitori

Ma quanto è difficile essere genitori?!
Quando ero bambina non capivo mai del tutto il comportamento dei miei…
Non capivo la severità, non capivo il troppo amore, non capivo l’ansia, non capivo le lacrime, non capivo perchè tutte quelle indecisioni sulla cosa giusta da fare, non capivo l’insistenza allo studio, non capivo le punizioni, non capivo il dolore, non capivo perchè ogni visita causasse così tanta paura, non capivo le telefonate quando ero fuori, non capivo mai quasi nulla di tutto il loro strano modo di comportarsi…

Ora che sono mamma capisco…capisco eccome e devo dire anche a malincuore!
Ma quanto è difficile vedere che i figli stanno male, non sapere cosa li affligge, pensare al peggio e poi scopri che è solo un raffreddore e sei anche capace di scoppiare in lacrime.
E quando camminano e poi corrono in ogni momento a volte invece di stare serena a goderti quei piccoli progressi sei in ansia perchè temi che cadano e si facciano male.
Ma come è difficile pensare che tutto è a posto, dormire sogni tranquilli quando senti che respirano male.
Passi tutta la notte a sentire il loro respiro e a fare tuo ogni battito delle loro ciglia…
E quando saranno grandi e vorranno uscire anche se hanno il raffreddore?
Quando non vorranno più che io gli dica di coprirsi che fa freddo?
Quando non potrò vegliare su ogni singolo loro passo?
Non lo so…davvero…
Ora però capisco che essere genitore è davvero la cosa più difficile del mondo, perchè sono i figli la cosa più importante della nostra stessa vita…tutto qui.
Proteggere loro e desiderare che stiano bene è fare tutto il bene possibile a noi stessi.
Forse si tratta di egoismo puro…perchè nessuno vorrebbe mai dover soffrire…e di certo non c’è dolore al mondo più grande che tutto quello che riguarda i nostri figli.
Chiedo a Dio di aiutarmi ad essere serena, ad essere migliore e di darmi tanta fede…
Perchè la vita è lunga…
e anche una mamma ha bisogno ogni tanto di chiudere gli occhi e sognare tranquilla…

Genitori con il Cuore
I bambini si comportano così come vengono trattati

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

Molte teorie, spesso in conflitto tra loro, parlano del mestiere dei genitori, e molte suggeriscono metodi severi per controllare e disciplinare il bambino. Metodi che sembrano innaturali e certamente non amorevoli.

Genitori con il cuore offre una delle rare occasioni per tornare ad amare e a prendersi cura dei propri figli secondo un metodo naturale che è sempre esistito fin dagli albori dell’umanità. Con questa guida illuminante e profonda la psicologa Jan Hunt, specializzata nel rapporto tra genitori e figli, coniuga i princìpi dell’attaccamento parentale ai diritti dell’infanzia e alla filosofia della scuola familiare (homeschooling) attraverso un metodo coerente per allevare un bambino affettuoso, aperto e sicuro di sé.

Con uno stile chiaro e accessibile, Genitori con il cuore sa infondere una saggezza senza tempo a tutti i genitori: sia quelli alle prime armi sia quelli con anni di esperienza.

Manuale pratico per star bene con se stessi

Gioia & Benessere
Manuale pratico per star bene con se stessi

Il compito più difficile è portare nella vita di tutti i giorni un atteggiamento positivo, poiché il quotidiano è la sabbia mobile in cui si affonda, è il sasso in cui si inciampa.

Questo libro propone riflessioni e percorsi per stare bene con se stessi. Con esercizi pratici.

La separazione tra spiritualità e corpo, specialmente in Occidente, ha creato il diffuso pensiero che il corpo non ha nulla a che vedere con l’evoluzione spirituale, anzi per lo più è una zavorra o un ostacolo a questa realizzazione.

Nella concezione del “benessere evolutivo“, i due ambiti sono invece strettamente connessi e l’autrice è fortemente convinta che non ci possa essere vera evoluzione se non si tiene in considerazione anche il nostro corpo.

  • Attraverso l’incontro con argomenti diversi si delinea un cammino quotidiano con cui misurarsi.
  • La coerenza tra il nostro sentire e il nostro agire è alla base del benessere evolutivo.
  • La quotidianità e tutte le sue problematiche sono la “grande” prova.

Quindi non abbiamo bisogno di rifugiarci in una grotta ed essere eremiti per percorrere il nostro sentiero spirituale, basta fare piccoli passi consapevoli e portare il cuore nei nostri pensieri e nelle nostre azioni.

Qual’è il tuo obiettivo?

817743_blog

Il punto d’avvio di qualunque realizzazione
L’inizio di ogni successo è la chiarezza di intenti associata all’Attegiamento Mentale Positivo. Ricordate questa frase e chiedetevi: qual è il mio obiettivo? Che cosa voglio veramente?
In base agli studenti che si iscrivono ai nostri corsi, calcoliamo che il 98 per cento di quelli che sono insoddisfatti non ha un quadro chiaro del mondo in cui vorrebbero vivere.
Rifletteteci bene! Pensate alla gente che è alla deriva, che non ha unoscopo nella vita, è insoddisfatta, lotta contro un sacco di cose, senza però immaginare mai una meta specifica.
E voi, potreste enunciare adesso ciò che desiderate dalla vita?

Stabilire i propri obiettivi potrebbe essere difficile e, perfino, implicare una dolorosa e impietosa autoanalisi. Ma ne varrà la pena, quali che siano gli sforzi necessari, poiché, non appena avrete individuato lo scopo da raggiungere, inizierete a godere di tanti vantaggi. I benefici si presenteranno, infatti, in modo automatico.
1. Il primo grande vantaggio è l’opera del subconscio che ottempera a questa legge universale: «Con l’AMP, la mente dell’uomo può realizzare tutto ciò che essa stessa è in grado di concepire e prendere per buono». Siccome si visualizza il traguardo finale, il subconscio si fa influenzare da questa autosuggestione. Esso si mette all’opera per aiutarci a raggiungere la meta.
2. Sapendo ciò che si vuole, abbiamo la tendenza naturale a metterci sulla strada e la direzione giusta. Ci si mette in azione.
3. Il lavoro diventa divertente. Si è disposti a pagare un prezzo e ci si accinge a gestire il tempo e i soldi a disposizione. Si studia, si riflette e si fanno progetti. Più si pensa al traguardo finale e più ci si entusiasma. Con l’entusiasmo, il desiderio si fa ardente.
4. Ci si mette in allerta per riconoscere le occasioni via via che si presenteranno nelle esperienze quotidiane. Sapendo ciò che si vuole, sarà più facile riconoscere tali occasioni.

Il successo è connaturato in voi.
Notate che nessuno dei grandi uomini  ha ricevuto il successo su un piatto d’argento. Anzi, all’inizio la vita era articolarmente ingrata nei confronti. Eppure, ognuno di loro è riuscito a ritagliarsi una carriera di enorme soddisfazione, più che altro perfezionando i talenti innati che aveva dentro di sé.

Tutti abbiamo molte qualità per risolvere i nostri problemi.

E interessante rilevare che la vita non ci lascia mai in mezzo alle difficoltàsenza alcun appiglio. Se ci si presenta un problema, abbiamo sempre la capacità di risolverlo.
Naturalmente, i nostri talenti sono variegati e dipendono anche dalla motivazione ad applicarli. Ma possiamo condurre un’esistenza utile e felice perfino quando siamo colpiti dalle malattie.

Forse temete che un cattivo stato di salute sia uno svantaggio enorme, ma leggete l’esperienza di Milo Jones e il vostro coraggio sarà corroborato. Quando scoppiava di salute, Milo non aveva mai cercato di diventare ricco. Poi si ammalò, e allora cominciarono a rarefarsi le occasioni a sua disposizione.
Invece, la sua storia procede così. Allorché godeva di buona salute, Milo era un grande lavoratore: faceva l’agricoltore nella piccola fattoria che possedeva a Fort Atkinson, nel Wisconsin. Sembrava però incapace di farla rendere bene, accontentandosi di assolvere alle necessità per la sopravvivenza, sua e della famiglia. Questo tipo di vita si perpetuava da anni, ma accadde una cosa imprevista!
Milo Jones venne colpito da una paralisi totale che lo relegò a letto. Un uomo maturo reso disabile dalla malattia. Il suo corpo era insensibile. I parenti erano sicuri che sarebbe stato immobilizzato per il resto della vita, un infelice senza speranza. Ed era vero, se non gli fosse successo qualcos’altro. Lo fece succedere lui stesso, con la conseguenza che raggiunse quella felicità che caratterizza tutte le vittorie personali e le ricompense finanziarie.
Di cosa si è servito Jones per mettere in moto tale cambiamento? Ha usato la mente. Sì, il suo corpo era paralizzato, ma la mente era intatta. Poteva pensare, e Milo lo fece, analizzando diversi progetti. Un giorno, mentre passava in rassegna le varie possibilità, riconobbe che la persona più importante del mondo aveva un talismano magico con due
facce: da una parte c’era scritto AMP e dall’altra AMN. Si rese conto di avere un corpo e una mente: allora, di punto in bianco, prese una decisione.
L’AMP attira la ricchezza.
Milo Jones decise di adottare una disposizione mentale costruttiva; scelse di essere felice, speranzoso, ottimista e di trasformare la sua creatività in realtà, cominciando dal punto in cui si trovava. Volle essere utile e, quindi, anche mantenere la sua famiglia, non essere un peso per tutti. Ma in che modo? Non avrebbe mai permesso che il suo handicap lo intralciasse: pensando, trovò la soluzione.
In primo luogo, fece l’elenco dei suoi doni e scoprì che aveva ancora molto di cui essere riconoscente. Tale riconoscenza lo indusse a pensare ad altre fortune di cui avrebbe potuto godere in futuro. E, siccome pensava, fra le altre cose, al modo in cui rendersi utile, trovò infine la cosa che stava cercando. Era un piano da mettere in pratica. Jones passò all’azione (mentale).
Svelò il piano al resto della famiglia: «Non sono più in grado di lavorare con le mie mani», esordì, «per cui ho deliberato di lavorare con la mente. Volendo, ognuno di voi può prendere il posto delle mie mani, dei miei piedi e del mio corpo. Pianteremo il grano su ogni ettaro dissodarle della nostra fattoria. Inoltre, alleveremo maiali e li ingrasseremo col grano. Poi li macelleremo, quando sono ancora giovani e teneri, facendo delle belle salsicce.
Naturalmente, le confezioneremo e venderemo con il nostro marchio, distribuendole a tutti i negozi del paese». Concluse sogghignando: «Si venderanno come biscotti caldi!» Proprio così! In pochi anni il marchio “Le salsicce dei porcellini di Jones” diventò un passaparola di tutte le massaie.
E Milo Jones è sopravvissuto, fino ad essere annoverato fra i milionari. Erariuscito a realizzare qualcosa in più grazie all’AMR Gli era bastato tenere il talismano dal lato giusto; così, malgrado fosse invalido, potè definirsi un uomo felice.
Era felice perché seppe rendersi utile.
Una formula che vi aiuterà a cambiare il mondo.
Fortunatamente, non tutte le vite sono segnate da tali difficoltà. Ciononostante, ognuno di noi ha dei problemi, e ciascuno reagisce a simboli stimolanti, con la suggestione o l’autosuggestione. La forma più efficace di automotivazione è la volontaria memorizzazione dell’obiettivo da raggiungere; in altre parole, lo si fa riemergere dal subconscio alla coscienza ogni volta che se ne ha bisogno.
IO VI SFIDO!
Memorizzate, comprendete e ripetete sovente durante la giornata: la mente dell’uomo può ottenere con VAMP tutto quanto riesce a concepire e prendere per buono. In fondo, si tratta di una forma di autosuggestione, è un motivarsi da soli al successo. Quando avrete assimilato e integrato in voi la frase, oserete puntare in alto.

Potete cambiare la vostra vita! Per realizzare qualsiasi cosa, è necessario fissare traguardi elevati e volerli assolutamente tagliare. Avete pensato alle grandi realizzazioni che vorreste ottenere?

Di Napoleon Hill


Napoleon HillIl successo attraverso l’Atteggiamento Mentale Positivo

Prefazione di Og Mandino

Compralo su Macrolibrarsi
Che cosa volete realmente? Nominatelo e sarà vostro se imparerete ad applicare i principi più volte qui formulati. In seguito allo studio di questo libro accadrà qualcosa di meraviglioso: godrete di salute fisica, mentale e morale, raggiungerete la felicità personale, avrete ricchezze di ogni tipo o qualsiasi bene il cui conseguimento non trasgredisca i diritti del prossimo.

Per Regalarti una Buona Giornata

7 mosse per regalarvi una buona giornata

1
La regola che dovete avere ben chiara in mente è che nessuno è felice o infelice in eterno, a meno che non lo voglia. L’infelice cronico ha bisogno dell’aiuto di uno psicologo, è chiaro, l’infelice temporaneo, ovvero colui che è appena incappato in una disavventura, lavanda dovrebbe rammentare che un momento di sconforto, anche un bel pianto liberatorio, sono perfettamente normali e possono essere costruttivi se durano poco e sono seguiti da nuovi progetti, da nuovi interessi.

2
Felicità o serenità non dovrebbero mai essere legati al successo di questa o quella iniziativa, alla conquista di quel bel tipo o di quella fascinosa figliola. Felicità o serenità, dovrebbero essere uno stato d’animo personale, una costante fissa perché si sta bene con se stessi, perché ci si vuole bene, perché ci si apprezza. E rammentate che se non vi volete bene in prima persona, neppure gli altri ve ne vorranno.

3
Un buon risveglio ha inizio da un dolce addormentarsi. La sera, prima di addormentarvi e anche se vi sembra di affogare in un mare di guai e di preoccupazioni, nel dormiveglia ripetetevi con calma, magari seguendo un ritmo musicale pacato che “ogni cosa andrà subito di bene in meglio, tutto va di bene in meglio“. Ripetetevi la frase usando le stesse parole e… lasciatevi prendere dal sonno. Al mattino, nel dormiveglia, ripetete la frase cercando di essere con­vinti di quello che dite.

4
Se appena svegli vi sentite afferrare dall’angoscia pensando a tutto ciò che vi aspetta, evitate di lasciarvi andare al panico e alla depressione pensando che tanto tutto è inutile, che non ce la farete. Cedendo a questi pensieri, vi regalerete un giorno no. Voi, per essere costruttivi, dovrete dirvi che sì, vi aspetta un giorno faticoso, ma che vi organizzerete e che farete del vostro meglio, il vostro massimo e che, dopotutto, è possibile che qualche compito possa essere rimandato, o più piacevole del previsto, o che il giorno potrebbe regalarvi un momento particolare, qualcosa di stimolante, che vi suona la carica.

5
Per esorcizzare i momenti no, per farvi coraggio se dovete affrontare un momento difficile come un esame, tenete sempre con voi un talismano personale. Per carità, niente di confezionato da “esperti” . Basta qualcosa che indossavate in un momento piacevole o quando avete ottenuto un grosso risultato più o meno insperato. Può essere un oggetto, un capo di abbigliamento, un colore, un sassolino, una conchiglia, un’immagine sacra se siete credenti… insomma, sceglietelo e portate con voi il “vostro” portafortuna.

6
Non dimenticate i benefici effetti della musica. Se avete un cd che vi piace così com’è, portatela con voi e ascoltatela tutte le volte che ne avvertite la necessità. Se preferite, potete costruirvi su misura un nastro registrando tutte le musiche che vi rilassano e che vi rasserenano. Personalmente ho preparato più nastri, ovvero quello che mi calma, quello che mi dà la carica, quello che mi aiuta a sopportare lunghe ore di scrivania o computer.

7
Rammentate i benefici effetti della respirazione. Durante l’inspirazione, che deve essere pacata e non troppo prolungata, pensate di immettere energia, forza, chiarezza. Durante l’espirazione, che deve essere lenta e prolungata (immaginate di spegnere lentamente una lunga serie di candele) pensate di soffiare fuori e lontano da voi l’irritazione, il malumore, l’ansia, la fatica, anche la paura.


L’infinito potere che è in te

Compralo su Macrolibrarsi

Qual è lo scopo della vita? Ottenere da essa il maggior grado di perfezione,

imparare a vivere in modo che ogni domani sia atteso con la certezzza

che sarà ancora più pieno di gioia del giorno che stiamo vivendo.

Lo spirito ha doni immensi e la natura attorno a noi, piante, animali e pietre comprese, sono la materializzazione della grandezza della Mente Infinita. Noi tutti siamo parte di questi doni. Anzi, siamo un dono noi stessi!

La consapevolezza di questa unione è il primo gradino che è necessario compiere per utilizzare correttamente e consciamente le potenzialità che ci sono offerte. Infatti possiamo attingere a questo potere che ci circonda e che permea il nostro stesso essere per innalzare il nostro spirito e raggiungere la piena realizzazione.

Imparare ad utilizzare i doni dello Spirito permette di scoprire il mistero che conduce alla salute perfetta, alla felicità più pura, alla ricchezza interiore ed esteriore. Prentice Mulford ci aiuta a cambiare ciò che abbiamo sempre pensato di noi e contemporaneamente cambiare la nostra vita.

Nulla è impossibile per lo spirito e questo libro ci fornisce gli strumenti per riconoscere i doni e farne uso quotidianamente.

Transurfing: Soluzioni semplici di problemi complessi

Può trattarsi di una situazione esistenziale complessa, di un conflitto, di una circostanza sfavorevole, di una difficoltà, o di un problema.
Per ogni problema difficile esistono soluzioni facili.La chiave per la risoluzione sta sempre in superficie, si tratta solo di vederla. Ma il pendolo, che ha creato il problema, ostacola la visione. Il pendolo distruttivo si prefigge lo scopo di ottenere la vostra energia. Per fare ciò deve fissare la frequenza di emissione dei vostri pensieri sul problema. Riesce benissimo a farlo convincendovi del fatto che il problema è complesso. Se voi avete accettato queste regole del gioco, vi si può tranquillamente prendere per mano e condurvi in un intricato labirinto. E solo dopo arriverete a comprendere che ” il cofanetto si apriva senza sforzo”.

Se si riesce a spaventare una persona, a farla preoccupare, coinvolgerla o far leva sui suoi complessi, essa confonderà col fatto che il problema è difficile e si fa prendere all’amo. Ma si può anche non spaventarla. E’ già una opinione che non si siano semplici soluzioni per la maggior parte dei problemi. Ciascuno di noi, nell’arco della sua vita, si scontra continuamente con varie difficoltà, specialmente se sono cose nuove, non conosciute. Alla fine tutti hanno l’abitudine ben radicata di affrontare i problemi con timore e a volte con vera e propria paura. Per di più l’uomo dubita sempre delle proprie capacità di misurarsi con le difficoltà. Risulta così che la tendenza ad accogliere con timore i problemi si trasformi nel filo che guida la marionetta.
[..]
Come fare per non farsi accalappiare dal pendolo? Basta non immergersi nel problema, non farsi coinvolgere nel gioco del pendolo. Datevi in affitto. Agite come si fa di solito in questi casi ma non come partecipanti al gioco ma bensì come osservatori esterni. Imparate a guardare la situazione in modo distaccato. Ricordate che vogliono prendervi per mano e portarvi in un labirinto. Non fatevi nè spaventare preoccupare dal problema. Ricordate innanzi tutto che esiste sempre una soluzione molto semplice, non accettate la difficoltà che vi viene imposta.

Se vi scontrate con un problema o un ostacolo, cercate di capire qual’è il vostro rapporto con esso. Il problema può generare turbamento, paura, indignazione, sconforto e così via. Ma bisogna cambiare il modo solito di rapportarsi alla difficoltà insorta, reagendo esattamento all’opposto; in questo modo il problema si elimina da solo o si risolve in modo veloce e facile. A dispetto degli stereotipi o delle consuetudini diffuse, imparate ad affrontare il problema non come un’ostacolo che dev’essere superato, ma come un tratto di percorso che dovete oltrepassare.

Tratto da Reality Transurfing – Lo Spazio delle Varianti – Vol 1 di Vadim Zeland


lo spazio delle varianti reality transurfing 26544 La pace comincia da noi  accettazione

Un modo nuovo di pensare ed operare…
… per ottenere la realizzazione dei tuoi desideri!

Il Transurfing è una tecnica potente che fornisce gli strumenti necessari
per gestire il tuo destino a tuo piacimento. Nessun miracolo, però.
Ti aspetta qualcosa di ben altra entità. Ti convincerai che la realtà ignota
è molto più stupefacente di qualsivoglia magia…

Il transurfer è colui che scivola senza sforzo tra le onde del quotidiano
e cavalca la vita con leggerezza, senza sprofondarvi dentro.

Ciò che rende interessante il Transurfing è la facilità con cui si può usare:
una volta avviato potrai renderti conto di ogni passo del cammino…

Libero da legami di dipendenza e consapevole di ogni cosa che fa,
il transurfer non attribuisce mai troppa importanza agli eventi,
che in questo modo perdono la loro connotazione positiva o negativa
e non hanno più il potere di influire sulla sua esistenza.

Attento a non disperdere la propria energia lottando inutilmente
contro i pendoli (strutture mentali vincolanti che si rafforzano
in modo proporzionale alla risonanza che le persone danno loro)
il transurfer preferisce essere spettatore attivo invece che attore,
assumendo in questo modo una prospettiva più distante, rilassata e obiettiva.

Incontriamoci con un sorriso

incontriamoci-con-un-sorriso

Dovreste conoscere ciò che vuole dire povertà, forse la nostra gente ha molti beni materiali, forse ha tutto, ma credo che se guardiamo nelle nostre case, vediamo quanto è difficile talvolta trovare un sorriso e il sorriso è il principio dell’amore. Allora incontriamoci con un sorriso e una volta che abbiamo cominciato l’un l’altro a amarci diviene naturale fare qualcosa per gli altri.

Mille strade diverse conducono all’amore

strade-scegliere

Ciascuno di noi ha un suo modo di agire e di manifestarsi, e dev’essergli assicurata la possibilità di servirsene liberamente. Mille strade diverse conducono all’amore. Purché ascolti se stesso, ognuno troverà la propria. Non permettete a chicchessia di imporvi perentoriamente la sua.

In un libro stupendo dell’antropologo Carlos Castaneda, Teachings according to Don Juan (trad. it. Viaggio a Ixtlan. Le lezioni di Don Juan, Astrolabio, Roma), interamente dedicato agli Indiani Yaqui che l’autore ha fatto oggetto di studio approfondito, c’è un personaggio di nome Don Juan il quale afferma: «Ogni strada non è che una fra un milione di strade. Pertanto dovete sempre tener presente che una strada è soltanto una strada.

Se in questo momento sentite di non doverla percorrere, non siete obbligati a farlo in nessun caso. Una strada è solamente una strada. Il fatto che il vostro cuore vi esorti ad abbandonarla non è un affronto a voi stessi o agli altri. Ma la vostra decisione di proseguire lungo quella strada o di abbandonarla non deve avere attinenza alcuna con la paura o con l’ambizione. Attenti: ogni strada dev’essere osservata da vicino e deliberatamente. Provatela una volta, due, tre, quanto lo ritenete necessario.
Poi ponetevi una domanda, ma solo a voi stessi; e la domanda è la seguente: Questa strada ha un cuore? Tutte le strade sono uguali. Non conducono in nessun luogo. Sono strade che attraversano il bosco, s’inoltrano nel bosco, passano sotto il bosco. Tutto sta ad accertare se quella strada ha un cuore. È il solo dato che conti. Se non ha cuore, è
una strada sbagliata». Se la vostra strada è l’amore, la meta non ha importanza; il cammino che seguirete sarà fatto d’amore.

Potete essere «veri» solo quando non vi scostate dalla vostra strada. La cosa più difficile del mondo è il voler essere ciò che non siamo. Allontanandovi da voi, dovete al tempo stesso avvicinarvi sempre più a ciò che siete. Scoprirete che è un modo molto facile di essere. La cosa più facile al mondo è essere ciò che siete, essere voi stessi. La cosa più difficile è essere ciò che gli altri vogliono che voi siate. Non permettete loro di situarvi in questa posizione. Trovate il vostro «essere», siate chi siete, siate come siete. Dopo di che potrete vivere in tutta semplicità. Avrete l’energia necessaria per «respingere i fantasmi», come dice Alpert. Non avrete più fantasmi da scacciare. Non dovrete più recitare un ruolo che non sia di vostra competenza. Ve ne libererete una volta per tutte e potrete dire a voi stessi: «Ecco, quest’uomo, questa donna sono io. Prendetemi per quel che sono, con le mie debolezze, con la mia stupidità, con tutto il resto. E se non potete, lasciatemi essere me stesso».

[..] «..Non esistono formule, non esistono manuali che teorizzino e spieghino una volta per tutte come si fa a diventare. Io so una sola cosa: esisto, sono, divento, creo la mia vita e nessuno è in grado di sostituirmi, creandola in mia vece. Devo far fronte alle mie manchevolezze, alle mie trasgressioni, ai miei errori, e assumerne la responsabilità.
Nessuno quanto me può soffrire del mio non-essere, ma domani è un altro giorno, devo decidere di alzarmi dal letto e continuare a vivere. E se fallisco nel mio intento, non ho il conforto di prendermela con il prossimo, con la vita o con Dio.»

Fonte: Amore di Leo Buscaglia

Compralo su Macrolibrarsi

Vivere amando se stessi e gli altri è la grande sfida della nostra esistenza. L’avventura più esaltante e creativa. Un sentimento senza età che, per il famoso pedagogista americano, ci fa diventare una forza suprema, responsabile, senza più limiti dei pregiudizi. Attraverso il reciproco amore si può arrivare a completare l’infinito.

Essere ciò che gli altri vogliono

crescere_essere

La cosa più facile di questo mondo è essere ciò che siamo, mostrare ciò che proviamo.
La più difficile è essere ciò che gli altri vogliono che noi siamo. Eppure è questo lo schema entro il quale ci vediamo costretti a vivere.
Siete voi stessi, o siete ciò che gli altri vi hanno detto che siete? E volete sapere davvero chi siete? Perché, se lo desiderate realmente, sarà il viaggio più lieto della vostra vita.

Ma questa persona che sa amare è anche un uomo o una donna costantemente consapevole che vivere è una fonte incessante di felicità e di stupefazione. Sono convinto che, contrariamente all’opinione comune, eravamo destinati alla felicità, perché ci sono troppe cose belle al mondo: gli alberi, gli uccelli, il volto della gente. Non esistono due cose uguali, e le cose mutano in continuazione. Com’è possibile annoiarsi? Non è mai esistito un tramonto uguale a un altro. Guardate la gente in faccia. Ogni volto differisce dagli altri. Ciascuno ha la propria bellezza. Due fiori identici non sono mai esistiti. La natura aborre l’uguale. Persino due fili d’erba sono diversi tra loro. I buddisti mi hanno insegnato una cosa fantastica. Loro credono nell’immediato, nel «qui» e nell’«ora».
Sostengono che la sola verità è quella che esiste nel presente, in ciò che avviene tra me e voi in questo preciso istante. Se tu vivi in funzione del domani, il che è soltanto un sogno, tutto ciò che avrai non sarà altro che un sogno inesaudito. Quanto al passato, è ormai estraneo a qualsiasi realtà. Ha un suo valore, perché è valso a fare di noi ciò che siamo,
ma il suo valore si esaurisce qui. Evitiamo dunque di vivere nel passato. Viviamo nel presente. Quando mangiamo, mangiamo. Quando parliamo a qualcuno, parliamo. Quando guardiamo un fiore, guardiamolo. Captiamo la bellezza nel singolo momento in cui viviamo!

La persona che sa amare non è tenuta a essere perfetta. Basterà semplicemente che sia umana. Abbiamo quasi paura di affrontare qualunque cosa perché non siamo in grado di farla perfettamente. Maslow sostiene che certe esperienze splendide e decisive dovremmo viverle tutti: quella, per esempio, di fabbricare un vaso di maiolica, o di dipingere un quadro e poi dire: «Ecco, questa è un’estrinsecazione di me stesso».

Un’altra teoria esistenzialista afferma: «Io esisto perché ho fatto qualcosa. Ho creato, dunque sono». Eppure noi non vogliamo far «qualcosa» perché temiamo che non sarà ben fatto, che non riscuoterà l’approvazione altrui. Se sentite il desiderio di imbrattare una parete d’inchiostro, fatelo. Dite a voi stessi: «Questa azione promana da me. È una mia creazione. Ho fatto quel che ho fatto, e va benissimo». Ma non osiamo, perché vogliamo che le cose siano perfette. E pretendiamo che lo siano anche i nostri figli.

L’uomo peraltro è sempre suscettibile di progredire, migliorare, evolversi, e se non lo credete è segno che in voi è in corso il processo che conduce alla morte. Ogni giorno dovreste vedere il mondo alla luce di una nuova visione personale. L’albero davanti a casa vostra non è più lo stesso, e allora dovete guardarlo! Mutano giornalmente anche le vostre mogli, i vostri mariti, i vostri figli, i vostri padri, le vostre madri: dunque, guardateli! Il cambiamento è in atto in ogni cosa, ivi inclusi voi stessi.

Giorni fa ero su una spiaggia con un gruppo di miei studenti. Uno di essi ha raccolto una stella di mare disseccata dal sole e con grande cautela l’ha rimessa in mare. «Sì, è secca, lo so» è stato il suo commento, «ma non appena avrà riassorbito l’acqua tornerà a vivere». Ha indugiato un momento, pensieroso, poi si è rivolto a me: «Sa» mi ha detto, «può darsi che il processo del divenire sia tutto qui; forse di tanto in tanto capita di sentirci prosciugati, e di avere bisogno solamente di un po’ di umidità per rimetterci in carreggiata e ricominciar da capo». Sì, può darsi che la faccenda sia tutta qui.
Effettivamente, investire nella vita equivale a investire nel cambiamento finale. Non è il caso di darci pensiero per la morte, dal momento che, dannazione, abbiamo un gran daffare a vivere! Lasciamo che la morte badi ai fatti suoi, ma al tempo stesso non si creda che la vita scorra placida e tranquilla! La vita non è così. Tenuto conto dei mutamenti
continuamente in atto attorno a noi, dobbiamo adeguarci senza posa: il che implica da parte nostra un divenire incessante, senza interruzioni. Stiamo facendo un viaggio formidabile, non c’è giorno uguale al precedente. Ogni esperienza è nuova, ogni persona è nuova, ogni mattino della vita è un fatto nuovo.

In Giappone, l’acqua che scorre è fatta oggetto di una cerimonia. Usavamo sedere in una piccola capanna nella quale aveva luogo la cerimonia del tè. Il nostro ospite colmava d’acqua un mestolo, poi lo versava nella teiera e gli astanti
porgevano l’orecchio al fievole rumore prodotto dal liquido che cadeva nel recipiente, onde quel suono acquistava echi elettrizzanti, fantastici. Penso al numero incredibile di persone che giornalmente lasciano scorrere le docce, l’acqua che cade dai rubinetti aperti nelle vasche e nei lavandini, e tuttavia non ne hanno mai udito il rumore. A quando risale l’ultima volta che avete indugiato ad ascoltare la pioggia?

Fonte: Amore di Leo Buscaglia

Compralo su Macrolibrarsi

Vivere amando se stessi e gli altri è la grande sfida della nostra esistenza. L’avventura più esaltante e creativa. Un sentimento senza età che, per il famoso pedagogista americano, ci fa diventare una forza suprema, responsabile, senza più limiti dei pregiudizi. Attraverso il reciproco amore si può arrivare a completare l’infinito.

I conflitti e i problemi di coppia

conflitto_coppia

In coppia a volte è difficile accettare i problemi come una cosa “normale” senza creare tragedie ma non per tutte le coppie è così.

Dipende dagli schemi e dalle dinamiche familiari della coppia (di ognuno dei due partner). Se le famiglie da cui provengono i partner sono fortemente karmiche, sarà proporzionalmente difficile per i due affrontare il conflitto serenamente per quello che è: una lezione di vita, uno strumento per superare il karma, un mezzo per capire le dinamiche familiari e superarle guarendole.
Ogni conflitto richiede una grande energia e una grande voglia di lottare per risolverlo.
Se un partner ha avuto una famiglia in cui il conflitto era di casa e la violenza verbale o fisica pure, potrà a volte decidere di lottare per capire o a volte arrendersi per mancanza di energia. Se l’altro partner invece proviene da una famiglia in cui i conflitti venivano ignorati, difficilmente vorrà stare dentro un conflitto e tenderà o a minimizzare il problema o a fuggirne.
Nel caso in cui uno dei due partner sia stato ferito nell’infanzia/adolescenza da un rapporto familiare difficile, nel caso in cui ad esempio vi è stato abbandono da parte di uno dei due genitori, o da ambedue, quando si innescherà una dinamica simile nel suo matrimonio, tenderà ad “abbandonare” prima di essere nuovamente abbandonato. Quindi riterrà il conflitto una “tragedia” insopportabile e inaccettabile. Ma questa sarà una scusa per mascherare la paura dell’abbandono.
Le dinamiche che si instaurano in una coppia sono tante quante sono le dinamiche delle rispettive famiglie dei partner.
Un suggerimento che posso dare a coppie in cui un semplice conflitto diventa una tragedia è di fermarsi e cercare di mettere per iscritto il problema, ognuno per suo conto. Elaborarlo prima vedendolo proiettato sulla carta, poi affrontare il problema come un processo in cui non vi sarà un vincitore o un vinto, ma due anime che stanno crescendo insieme.
Capisco le vostre obiezioni quando direte: “Ma se mi ha tradito/a, cosa faccio lo scrivo su un foglio?
Beh, sì, prima di aggredire, prima di distruggere, prima di abbandonare il campo, anche in un caso estremo si possono scrivere i propri pensieri su un foglio e tirarli via dalla mente.
Nel caso di un tradimento si può anche arrivare alla conclusione di lasciarsi, ma il punto è farlo “guarendo” il rapporto e non distruggendolo.
Ci sono comunque diversi altri casi in cui il conflitto è meno pesante. Ma anche in questi casi se la dinamica è l’abbandono, l’esclusione, la fuga sarà questo che si cercherà di fare.
Ma, se partiamo dal presupposto che in una coppia si sviluppano alcune dinamiche che provengono dalle rispettive famiglie allo scopo di guarirne il karma, capite che fuggendo non si raggiungerà mai l’obiettivo. E, anche nell’ipotesi in cui la distruzione del rapporto ci dia sollievo (cosa piuttosto improbabile), al prossimo rapporto le dinamiche riaffioreranno e non potremo evitare di affrontarle.
Non vi è alcuna azione, abbiamo detto, che non sia karmica, quindi il da farsi in ogni occasione di conflitto è di trovare la calma necessaria per innescare il processo di comprensione e guarigione.
Scrivere può servire, correre può servire a smaltire la rabbia, rimanere in silenzio e osservare il respiro può servire a portarsi al centro interiore. Ma, anche se in ultima analisi ci fosse uno scoppio di ira, passato questo, occorre fermarsi e capire quale delle tante dinamiche familiari sono state toccate, affrontarle razionalmente e cercare di guarirle.
Questo è un lavoro però da farsi in due e, dato che c’è libero arbitrio, un partner non può obbligare l’altro partner a farlo senza la sua volontà.
Tutto ciò che può fare chi vuole risolvere il conflitto affrontando il processo di guarigione, è aspettare i tempi del partner, lasciare smaltire la rabbia, e cogliere il momento adatto per poter iniziare una comunicazione. Questo richiede dedizione, amore e volontà di proseguire il rapporto.
Un conflitto è comunque meglio affrontarlo sempre. Non vi è mai alcun motivo per evitarlo o ignorarlo. Un conflitto represso o evitato prima o poi riaffiorerà più prepotente e difficile di prima.


Otto Brink

Quando l’Amore Vince

Vita di coppia: le regole del gioco

Compralo su Macrolibrarsi

Nella nostra cultura si sono progressivamente allentati i legami della persona singola con la famiglia e con i suoi antenati: i valori dell’individuo, dell’autonomia della singola personalita’, prevalgono e vengono idealizzati.

Bert Hellinger, in piu’ di venti anni di lavoro con la terapia breve delle Costellazioni Familiari, ci ha fatto capire che l’idea di una personalita’ autonoma e’ per molti aspetti un’illusione. La singola persona e’ molto piu’ legata di quanto si sia soliti pensare alla famiglia da cui proviene (e non solo ai genitori, ma a parecchie generazioni precedenti), nel bene e nel male.

Questo libro applica il lavoro di Hellinger alla coppia: alla sua costruzione, alla vita insieme, alla comunicazione fra partner.

Mi darà la Felicità?

saro_felice

Ogni giorno ci troviamo ad affrontare varie situazioni che impongono una scelta e, nonostante gli sforzi, spesso non prendiamo la soluzione che sappiamo essere “buona per noi”. Questo accade in parte perchè la “scelta giusta” è sovente la più difficile e ci costringe a sacrificare in certo grado il nostro piacere.
Nel corso dei secoli uomini e donne si sono sforzati di chiarire quale ruolo il piacere dovesse svolgere nella loro vita: innumerevoli filosofi, teologi e psicologi hanno analizzato il nostro rapporto con questa sensazione. Nel terzo secolo a.C., Epicuro basò il proprio sistema etico sull’audace concetto che “il piacere sia l’inizio e la fine della vita felice“. Ma anch’egli riconobbe l’importanza del senso comune e della moderazione, e osservò come il farsi prendere in
maniera incontrollata dai piaceri sensuali producesse a volte dolore anzichè gioia. Negli ultimi anni dell’Ottocento, Sigmund Freud si dedicò all’elaborazione di una teoria del piacere e concluse che la fondamentale motivazione alla base dell’intero apparato psichico è il desiderio di alleviare la tensione causata da pulsioni istintuali inappagate; a suo avviso, insomma, noi siamo motivati dalla ricerca del piacere.
Ovviamente, nessuno di noi ha bisogno degli antichi filosofi greci, degli psicoanalisti ottocenteschi o degli scienziati odierni per capire che cosa sia il piacere. Sappiamo cos’è quando lo proviamo.
Comprendiamo cos’è quando la persona amata ci accarezza o ci sorride, quando ci concediamo il lusso di un bagno caldo in un freddo pomeriggio piovoso o quando contempliamo la bellezza di un tramonto.
Ma molti provano piacere anche nella frenesia indotta da una linea di cocaina, nell’estasi dello sballo da eroina, nello stordimento della sbornia alcolica, nella gioia di sfrenate imprese sessuali o nell’euforia di un colpo di fortuna a Las Vegas. Anche questi sono piaceri assai reali, con cui molta gente, oggi, è costretta a fare i conti.
Benchè non vi siano sistemi facili per evitare simili godimenti distruttivi, abbiamo il vantaggio di conoscere il punto di partenza: ricordarci che quel che cerchiamo nella vita è la felicità. Come osserva il Dalai Lama, questo è un dato di fatto incontrovertibile. Se affronteremo le nostre scelte di vita tenendo a mente tale concetto, faremo meno fatica a rinunciare alle cose che, pur dandoci una soddisfazione momentanea, a lungo andare ci danneggiano. Il motivo per cui è spesso così difficile dire “un semplice no” è da ricercarsi in quel monosillabo: il “no” è infatti associato all’idea di dover rifiutare a se stessi qualcosa, di dover compiere una rinuncia e privarsi di qualcosa.
Ma forse l’approccio migliore è reinquadrare qualsiasi decisione chiedendosi: “Mi darà la felicità?”.
Questa semplice domanda rappresenta un prezioso strumento, perchè può aiutarci a gestire tutti i settori della vita, non solo a decidere se dobbiamo indulgere alla droga o concederci una terza fetta di torta alla banana. Ci consente infatti di osservare le cose con un’ottica nuova. Se affronteremo le decisioni e le scelte quotidiane con quella domanda in mente, sposteremo il fulcro dell’attenzione da ciò che neghiamo a noi stessi a ciò che cerchiamo: la vera felicità, che, come dice il Dalai Lama, è stabile e durevole.

di Dalai Lama



Bernard Baudouin

Un Anno con il Dalai Lama

365 pensieri e meditazioni quotidiane sui grandi interrogativi della vita: l’amore, la pace, la compassione

Compralo su Macrolibrarsi

Una raccolta di alcuni dei messaggi più significativi di Sua Santità, il Dalai Lama, uno per ogni giorno dell’anno, visto come un nuovo passo sul sentiero del Risveglio Spirituale.

Che cosa voglio veramente?

817743_blog

Il punto d’avvio di qualunque realizzazione
L’inizio di ogni successo è la chiarezza di intenti associata all’Attegiamento Mentale Positivo. Ricordate questa frase e chiedetevi: qual è il mio obiettivo? Che cosa voglio veramente?
In base agli studenti che si iscrivono ai nostri corsi, calcoliamo che il 98 per cento di quelli che sono insoddisfatti non ha un quadro chiaro del mondo in cui vorrebbero vivere.
Rifletteteci bene! Pensate alla gente che è alla deriva, che non ha uno scopo nella vita, è insoddisfatta, lotta contro un sacco di cose, senza però immaginare mai una meta specifica.
E voi, potreste enunciare adesso ciò che desiderate dalla vita?

Stabilire i propri obiettivi potrebbe essere difficile e, perfino, implicare una dolorosa e impietosa autoanalisi. Ma ne varrà la pena, quali che siano gli sforzi necessari, poiché, non appena avrete individuato lo scopo da raggiungere, inizierete a godere di tanti vantaggi. I benefici si presenteranno, infatti, in modo automatico.
1. Il primo grande vantaggio è l’opera del subconscio che ottempera a questa legge universale: «Con l’AMP, la mente dell’uomo può realizzare tutto ciò che essa stessa è in grado di concepire e prendere per buono». Siccome si visualizza il traguardo finale, il subconscio si fa influenzare da questa autosuggestione. Esso si mette all’opera per aiutarci a raggiungere la meta.
2. Sapendo ciò che si vuole, abbiamo la tendenza naturale a metterci sulla strada e la direzione giusta. Ci si mette in azione.
3. Il lavoro diventa divertente. Si è disposti a pagare un prezzo e ci si accinge a gestire il tempo e i soldi a disposizione. Si studia, si riflette e si fanno progetti. Più si pensa al traguardo finale e più ci si entusiasma. Con l’entusiasmo, il desiderio si fa ardente.
4. Ci si mette in allerta per riconoscere le occasioni via via che si presenteranno nelle esperienze quotidiane. Sapendo ciò che si vuole, sarà più facile riconoscere tali occasioni.

Il successo è connaturato in voi.
Notate che nessuno dei grandi uomini  ha ricevuto il successo su un piatto d’argento. Anzi, all’inizio la vita era articolarmente ingrata nei confronti. Eppure, ognuno di loro è riuscito a ritagliarsi una carriera di enorme soddisfazione, più che altro perfezionando i talenti innati che aveva dentro di sé.

Tutti abbiamo molte qualità per risolvere i nostri problemi.

E interessante rilevare che la vita non ci lascia mai in mezzo alle difficoltà senza alcun appiglio. Se ci si presenta un problema, abbiamo sempre la capacità di risolverlo.
Naturalmente, i nostri talenti sono variegati e dipendono anche dalla motivazione ad applicarli. Ma possiamo condurre un’esistenza utile e felice perfino quando siamo colpiti dalle malattie.

Forse temete che un cattivo stato di salute sia uno svantaggio enorme, ma leggete l’esperienza di Milo Jones e il vostro coraggio sarà corroborato. Quando scoppiava di salute, Milo non aveva mai cercato di diventare ricco. Poi si ammalò, e allora cominciarono a rarefarsi le occasioni a sua disposizione.
Invece, la sua storia procede così. Allorché godeva di buona salute, Milo era un grande lavoratore: faceva l’agricoltore nella piccola fattoria che possedeva a Fort Atkinson, nel Wisconsin. Sembrava però incapace di farla rendere bene, accontentandosi di assolvere alle necessità per la sopravvivenza, sua e della famiglia. Questo tipo di vita si perpetuava da anni, ma accadde una cosa imprevista!
Milo Jones venne colpito da una paralisi totale che lo relegò a letto. Un uomo maturo reso disabile dalla malattia. Il suo corpo era insensibile. I parenti erano sicuri che sarebbe stato immobilizzato per il resto della vita, un infelice senza speranza. Ed era vero, se non gli fosse successo qualcos’altro. Lo fece succedere lui stesso, con la conseguenza che raggiunse quella felicità che caratterizza tutte le vittorie personali e le ricompense finanziarie.
Di cosa si è servito Jones per mettere in moto tale cambiamento? Ha usato la mente. Sì, il suo corpo era paralizzato, ma la mente era intatta. Poteva pensare, e Milo lo fece, analizzando diversi progetti. Un giorno, mentre passava in rassegna le varie possibilità, riconobbe che la persona più importante del mondo aveva un talismano magico con due
facce: da una parte c’era scritto AMP e dall’altra AMN. Si rese conto di avere un corpo e una mente: allora, di punto in bianco, prese una decisione.
L’AMP attira la ricchezza.
Milo Jones decise di adottare una disposizione mentale costruttiva; scelse di essere felice, speranzoso, ottimista e di trasformare la sua creatività in realtà, cominciando dal punto in cui si trovava. Volle essere utile e, quindi, anche mantenere la sua famiglia, non essere un peso per tutti. Ma in che modo? Non avrebbe mai permesso che il suo handicap lo intralciasse: pensando, trovò la soluzione.
In primo luogo, fece l’elenco dei suoi doni e scoprì che aveva ancora molto di cui essere riconoscente. Tale riconoscenza lo indusse a pensare ad altre fortune di cui avrebbe potuto godere in futuro. E, siccome pensava, fra le altre cose, al modo in cui rendersi utile, trovò infine la cosa che stava cercando. Era un piano da mettere in pratica. Jones passò all’azione (mentale).
Svelò il piano al resto della famiglia: «Non sono più in grado di lavorare con le mie mani», esordì, «per cui ho deliberato di lavorare con la mente. Volendo, ognuno di voi può prendere il posto delle mie mani, dei miei piedi e del mio corpo. Pianteremo il grano su ogni ettaro dissodarle della nostra fattoria. Inoltre, alleveremo maiali e li ingrasseremo col grano. Poi li macelleremo, quando sono ancora giovani e teneri, facendo delle belle salsicce.
Naturalmente, le confezioneremo e venderemo con il nostro marchio, distribuendole a tutti i negozi del paese». Concluse sogghignando: «Si venderanno come biscotti caldi!» Proprio così! In pochi anni il marchio “Le salsicce dei porcellini di Jones” diventò un passaparola di tutte le massaie.
E Milo Jones è sopravvissuto, fino ad essere annoverato fra i milionari. Era riuscito a realizzare qualcosa in più grazie all’AMR Gli era bastato tenere il talismano dal lato giusto; così, malgrado fosse invalido, potè definirsi un uomo felice.
Era felice perché seppe rendersi utile.
Una formula che vi aiuterà a cambiare il mondo.
Fortunatamente, non tutte le vite sono segnate da tali difficoltà. Ciononostante, ognuno di noi ha dei problemi, e ciascuno reagisce a simboli stimolanti, con la suggestione o l’autosuggestione. La forma più efficace di automotivazione è la volontaria memorizzazione dell’obiettivo da raggiungere; in altre parole, lo si fa riemergere dal subconscio alla coscienza ogni volta che se ne ha bisogno.
IO VI SFIDO!
Memorizzate, comprendete e ripetete sovente durante la giornata: la mente dell’uomo può ottenere con VAMP tutto quanto riesce a concepire e prendere per buono. In fondo, si tratta di una forma di autosuggestione, è un motivarsi da soli al successo. Quando avrete assimilato e integrato in voi la frase, oserete puntare in alto.

Potete cambiare la vostra vita! Per realizzare qualsiasi cosa, è necessario fissare traguardi elevati e volerli assolutamente tagliare. Avete pensato alle grandi realizzazioni che vorreste ottenere?

Di Napoleon Hill


Napoleon Hill

Il successo attraverso l’Atteggiamento Mentale Positivo

Prefazione di Og Mandino

Compralo su Macrolibrarsi
Che cosa volete realmente? Nominatelo e sarà vostro se imparerete ad applicare i principi più volte qui formulati. In seguito allo studio di questo libro accadrà qualcosa di meraviglioso: godrete di salute fisica, mentale e morale, raggiungerete la felicità personale, avrete ricchezze di ogni tipo o qualsiasi bene il cui conseguimento non trasgredisca i diritti del prossimo.

Le scelte di ogni giorno

2903063_blog

Ogni giorno ci troviamo ad affrontare varie situazioni che
impongono una scelta e, nonostante gli sforzi, spesso non prendiamo
la soluzione che sappiamo essere “buona per noi”. Questo accade in
parte perchè la “scelta giusta” è sovente la più difficile e ci
costringe a sacrificare in certo grado il nostro piacere.
Nel corso dei secoli uomini e donne si sono sforzati di chiarire
quale ruolo il piacere dovesse svolgere nella loro vita: innumerevoli
filosofi, teologi e psicologi hanno analizzato il nostro rapporto con
questa sensazione. Nel terzo secolo a.C., Epicuro basò il proprio
sistema etico sull’audace concetto che “il piacere sia l’inizio e la
fine della vita felice
“. Ma anch’egli riconobbe l’importanza del
senso comune e della moderazione, e osservò come il farsi prendere in
maniera incontrollata dai piaceri sensuali producesse a volte dolore
anzichè gioia. Negli ultimi anni dell’Ottocento, Sigmund Freud si
dedicò all’elaborazione di una teoria del piacere e concluse che la
fondamentale motivazione alla base dell’intero apparato psichico è il
desiderio di alleviare la tensione causata da pulsioni istintuali
inappagate; a suo avviso, insomma, noi siamo motivati dalla ricerca
del piacere.
Ovviamente, nessuno di noi ha bisogno degli antichi filosofi greci,
degli psicoanalisti ottocenteschi o degli scienziati odierni per
capire che cosa sia il piacere. Sappiamo cos’è quando lo proviamo.
Comprendiamo cos’è quando la persona amata ci accarezza o ci sorride,
quando ci concediamo il lusso di un bagno caldo in un freddo
pomeriggio piovoso o quando contempliamo la bellezza di un tramonto.
Ma molti provano piacere anche nella frenesia indotta da una linea di
cocaina, nell’estasi dello sballo da eroina, nello stordimento della
sbornia alcolica, nella gioia di sfrenate imprese sessuali o
nell’euforia di un colpo di fortuna a Las Vegas. Anche questi sono
piaceri assai reali, con cui molta gente, oggi, è costretta a fare i
conti.
Benchè non vi siano sistemi facili per evitare simili godimenti
distruttivi, abbiamo il vantaggio di conoscere il punto di partenza:
ricordarci che quel che cerchiamo nella vita è la felicità. Come
osserva il Dalai Lama, questo è un dato di fatto incontrovertibile.
Se affronteremo le nostre scelte di vita tenendo a mente tale
concetto, faremo meno fatica a rinunciare alle cose che, pur dandoci
una soddisfazione momentanea, a lungo andare ci danneggiano. Il
motivo per cui è spesso così difficile dire “un semplice no” è da
ricercarsi in quel monosillabo: il “no” è infatti associato all’idea
di dover rifiutare a se stessi qualcosa, di dover compiere una
rinuncia e privarsi di qualcosa.
Ma forse l’approccio migliore è reinquadrare qualsiasi decisione
chiedendosi: “Mi darà la felicità?”.
Questa semplice domanda
rappresenta un prezioso strumento, perchè può aiutarci a gestire
tutti i settori della vita, non solo a decidere se dobbiamo indulgere
alla droga o concederci una terza fetta di torta alla banana. Ci
consente infatti di osservare le cose con un’ottica nuova. Se
affronteremo le decisioni e le scelte quotidiane con quella domanda
in mente, sposteremo il fulcro dell’attenzione da ciò che neghiamo a
noi stessi a ciò che cerchiamo: la vera felicità, che, come dice il
Dalai Lama, è stabile e durevole.

Libro consigliato:



Dalai Lama

Il Sutra del Cuore

Riflessioni sulla natura dell’uomo e sulla felicità

Sperling
ISBN: 8820035804

Prezzo € 13,50

Compralo su Macrolibrarsi