Un pomeriggio di Uffa che Noia – Cristina Petit

Una bambina normale,
un pomeriggio di niente,
di uffa che noia, che salamoia!

Non so proprio che fare,
a questo punto è meglio uscire!

Una bambina in un pomeriggio di “uffa che noia” decide di uscire a fare una passeggiata.
Anche un orso in un pomeriggio di “uffa che noiadecide di uscire!
L’orso e la bambina si incontrano nel bosco.
La bambina ha con sé un libro di fiabe, l’orso invece ha appena preparato i biscotti.
L’orso invita la bambina a casa sua a mangiare i biscotti.

Forse forse questo pomeriggio di niente si è trasformato in un pomeriggio da riempire di parole, insieme.

Una passeggiata di niente
che può diventare di tutto.

Cosa piace all’orso? Cosa piace alla bambina? I due nuovi amici prendono un tè mangiando i biscotti di orso e raccontandosi scoprono i loro gusti. Scoprono che hanno gli stessi gusti!
E il prossimo pomeriggio di “uffa che noia” c’è già in programma di ritrovarsi nella cameretta della bambina.
Per fortuna la bambina ha preparato i biscotti perchè il pomeriggio di “uffa che noia” per orso arriva presto 😉

Un pomeriggio di Uffa che Noia di Cristina Petit di Pulce Edizioni è albo illustrato che racconta con semplicità come la noia sia una possibilità; proprio come una strada piena di incroci che possono condurci in posti nuovi, ma racconta anche quanto sia bello parlare, e altrettanto bello ascoltare chi ci sta vicino, perché solo così si scoprono tutte le cose che abbiamo in comune con gli altri.

Se l’orso e la bambina non si fossero annoiati sarebbero rimasti a casa e non si sarebbero incontrati.
Una dolce storia che racconta l’amicizia nata in un giorno di noia.
Ora l’orso e la bambina sanno che non si annoieranno più perché il giorno di “uffa che noia” d’ora in poi sarà solo una scusa per incontrarsi e stare insieme.

Le illustrazioni di Michela Gastaldi sono semplici ed essenziali, mettono in primo piano i due protagonisti, che si stagliano su sfondi bianchi o neri e accompagnano il testo composto da un botta e risposta tra l’orso e la bambina.

Noia e scoperta. Un binomio che spesso nell’infanzia funziona. Annoiarsi è ormai diventato un privilegio per i nostri bambini, sempre occupati con qualche attività programmata.
Ma è proprio in quei momenti di tempo lento che i bambini possono finalmente fermarsi e dare spazio alla fantasia, magari in compagnia anche di un buon libro.
Questo storia ha molte letture: diverte, parla della noia, parla dell’amicizia. E allo stesso tempo fa capire concretamente il potenziale della lettura, che riempie ogni momento, anche quelli di noia, per portarci in storie e avventure magnifiche (piccole o grandi che siano!.

“E’ alla sera
quando guardo il cielo,
che ripenso a tutte le parole
che abbiamo detto.”