Orlando curioso e il… – Teresa Radice

Orlando curioso e il segreto del monte Sbuffone

Da qualche parte là fuori,
ben oltre l’orizzonte…
…c’è una piccola isola tonda,
con una grande montagna scura.

C’è una piccola isola, abitata da pescatori, e un villaggio alle pendici di un vulcano non del tutto spento. Lì ci sono bambini che giocano in strada e si raccontano storie ad alta voce. Alla taverna c’è l’ostessa, che offre lauti pranzetti, i turisti al porto che portano vento di vacanza, i genitori distratti che lasciano all’avventura lo spazio di compiersi.
E poi nell’isola c’è uno strano monte, il monte Sbuffone, che un tempo sbuffava ma ora sonnecchia ma come dicono tutti “non si sa mai“.


E proprio quando nessuno se lo aspetta, ecco che il monte riprende a fumare, sempre più finché tutti i pescatori dell’isola e i loro figli che un giorno diventeranno pescatori non decidono di scappare. Scappano tutti, tranne la famiglia di Orlando.


Così Orlando rimane solo e annoiato, almeno fin quando, in barba alle raccomandazioni dei suoi genitori, non decide di andare a vedere cos’è che fa sbuffare il monte…

Quale mistero si nasconde dietro allo sbuffo del monte? Cosa succederà ad Orlando?

Per Orlando si avvicina una nuova avventura, la scalata del Monte Sbuffone, un cono di roccia lavica dalla cui cima ogni tanto escono volute di fumo. Solo che il buon Orlando farà una grande scoperta, perchè a sbuffare non è un nucleo di magma bollente, bensì un giovane drago annoiato chiuso nella sua grotta. Quando Orlando lo scopre, è l’inizio di un’indimenticabile amicizia segreta.

Orlando curioso e il segreto del monte Sbuffone di Teresa Radice e Stefano Turconi edito da Bao Publishing è una storia a fumetti che cattura subito le simpatie dei più piccoli perché li fa identificare nel personaggio di Orlando: un bambino curioso che, avendo due genitori scrittori se ne stanno sempre rintanati in casa, ma lui non sta mai con le mani in mano e se ne va a zonzo per la bellissima isoletta, dove c’è un “villaggio colorato che sonnecchia sotto il sole“.


E’ facile innamorarsi subito di questo luogo magico, che fa venire una gran voglia di sole e d’estate, e della casetta “che fa il solletico alla montagna“, che ha “tre piante di limone, un balcone che guarda le onde e una finestra che tiene d’occhio il monte“.

L’autrice, Teresa Radice ha scritto un’avventura divertente, che parla di amicizia, di coraggio e di scoperte e Stefano Turconi ha illustrato e dato vita a un paesaggio che odora di mare, di sole e di limoni, stradine e vicoletti che ricordano i paesi del meridione, con la loro luce dorata, le voci e i profumi che dalle cucine invadono le strade, disegnando tavole ricchissime di dettagli e particolari che rendono il mondo di orlando ancora più vivido e reale.

Un fumetto che si può leggere a più livelli e a più età, dai bambini di 4 anni insieme ai genitori fino ai primi lettori autonomi.
E alla fine del libro c’è un diario di bordo di Orlando con tanto di reperti ritrovati nelle sue uscite a zonzo per l’isola. Un’idea fantastica! Inizierete anche voi un diario delle avventure o delle vacanze?!

Orlando Curioso e il mistero dei calzini spaiati

Sull’isola di Orlando è sempre primavera.
Non è che le altre stagioni si siano prese una vacanza…
…ma la primavera è così bella che tutte fanno a gara per assomigliarle…

Sull’isola di Orlando tutti gli abitanti sono generosi e sanno farsi voler bene. La primavera sta per lasciare il posto all’estate, il colore primaverile preferito di Orlando è proprio quello di maggio perché «ha il colore dei capelli delle nonne…né troppo viola, né troppo blu!».

Ma un giorno il piccolo Orlando si accorge che sull’isola si sta verificando uno strano fenomeno, hanno cominciato a scomparire misteriosamente i calzini degli abitanti.

Il giovane protagonista non sembra avere problemi ad abbigliarsi in modo spaiato, ma tutti gli altri isolani sono molto infastiditi dalle sparizioni, finendo per sospettare l’uno dell’altro. Assieme alle calze è dunque scomparsa anche la serenità che regnava tra i vicoletti assolati.


Il ragazzino decide quindi di indagare per venire a capo della faccenda, finendo per incontrare un nuovo amico, grazie al quale imparerà qualcosa.

Se il primo volume era un delizioso racconto che comunicava ai bambini un importante messaggio sul superamento dei pregiudizi e sull’accoglienza nei confronti del diverso, questa seconda avventura, Orlando Curioso e il mistero dei calzini spaiati ha una morale altrettanto potente per parlare di amicizia, gentilezza e di spirito di condivisione.

Chiudono il volume alcune pagine di contenuti speciali; se il primo albo proponeva un diario di bordo di Orlando, qui scopriamo una guida turistica dell’isoletta splendidamente illustrata da Turconi.
Insomma, un piccolo, graditissimo extra che ancora una volta conquista la fantasia dei giovani lettori, rendendo vicina l’ambientazione da favola in cui tutti vorremmo andare in vacanza, anche solo per qualche giorno 😉

Ricordatevi di notare e leggere con cura la breve riflessione iniziale, perchè i calzini spaiati diventano metafora di vita!

A tutti i calzini spaiati,
con l’augurio di trovare quello che cercano…
…dovesse anche volerci una vita intera.

ACQUISTA I LIBRI ADESSO QUI: