Lea e l’elefante… una storia di Amicizia – Kim Sena

C’era una volta Lea, una bimba dai grandi occhi scuri, la camicetta con il fiocco e le scarpe lucide con il cinturino. Lea aveva proprio tutto: una bella casa, tanti giocattoli, persino una coroncina da mettere sul capo. Ma, nonostante tutte le belle cose che possedeva, la sua testa continuava a essere vuota e sopratutto lei non è felice.
Le giornate sono noiose e monotone. Un giorno riesce a parlare con un elefante che da tempo spiava dalla sua finestra e a diventarne amica.  Lo porta a casa, gli offre cibo e giochi, gli mostra i suoi tesori e cerca di stupirlo, ma ad un certo punto l’elefante chiede di poter tornare all’aperto dai suoi amici… decide allora di promettergli qualcosa di davvero eccezionale: lo farà volare.

Basterà che lui, tutto dipinto di bianco, si alleni correndo ogni giorno con un palloncino rosso legato sulla proboscide. La fiducia è talmente tanta che l’elefantino prova e riprova, ma questa non è la favola di Dumbo e il povero cucciolo non ottiene alcun successo. Anzi rimane sempre più solo e lontano dai propri amici.

Lea e l’elefante ci racconta una storia di amicizia, per bambini, scritto da Kim Sena (per Orecchio Acerbo Editore), giovane illustratrice di Seul. Dopo il grande successo di “Renna Bianca“, esce nelle libreria questo suo nuovo romanzo caratterizzato dai meravigliosi disegni a matita, che rendono il libro un meraviglioso gioiellino da poter legger con i proprio bimbi.

Un formato verticale molto grande, perfetto per rendere piena giustizia alle illustrazioni e alle parole, dove la piccola ed elegante sono la dimostrazione che il possedere e accumulare tanti oggetti costosi non riempie il vuoto che un amico può colmare.
Lea, nella sua reggia e con i suoi oggetti ricercati crede di avere le chiavi per la felicità ma è l’elefante a farle capire che i beni materiali sono destinati a distruggersi e rompersi mentre un legame d’affetto non conosce il logorio del tempo e la polvere.

Le splendide illustrazioni sfumate in grigio con tratti leggeri accompagnano in un mondo fantastico che va oltre l’apparenza e insegna che in due è più facile volare. Un albo stupendo da ogni punto di vista.
Dalla copertina alle pagine interne, l’unica nota di colore è rappresentata da un palloncino rosso, simbolo della vita che vuole altra vita e della fuga dall’isolamento.

Lea vuole rendere speciale il suo nuovo amico: lo dipinge di bianco, gli lega il palloncino alla punta della proboscide. Lui ci prova ad alzarsi da terra, ma niente e niente, non riesce a volare.
E intanto, con l’abilità di chi sa narrare attraverso immagini e dettagli, Sena ci mostra un accenno di sorriso sul volto di Lea e un velo di tristezza, ora, negli occhi dell’elefante.
Adesso è lui ad essersi abbandonato sul grande divano ed è sempre lui a guardare da una finestra la vita che scorre senza che vi partecipi, con gli amici elefanti a rotolarsi nel fango.
Una raffica fortissima di vento spazza via la grande casa, il dentro capace di imprigionare e separare dalla vera vita, che per sua natura ha bisogno degli altri, dell’incontro, della comunità.

I pastelli compaiono sullo sfondo, colorano di rosa le guance di Lea, rendono gli sguardi più attenti, sembra quasi che i due sorridano con gli occhi.

L’amicizia è basata sulla gratuità, non ha prezzo,
non si compra con la promessa di far volare qualcuno.

Così, ad un certo punto, sparisce pure il palloncino rosso: non ha più senso, non serve più.
Perchè è questo il messaggio che scopriranno entrambi, non c’è bisogno di promettere l’impossibile per volersi bene e fare amicizia, ne’ di tanti oggetti belli e costosi per riempire un vuoto che solo un amico può colmare.
Molto meglio è giocare insieme.
Perché, come dice l’elefante a Lea, ”anche se non sei così tanto speciale, noi due siamo amici’‘.
E allora, anche volare sarà possibile.

Lea e l’elefante con poche ma efficaci parole, racconta non solo una storia, ma insegna qualcosa che arriva al cuore.
Il suo racconto, con grande semplicità e limpidezza, parla di solitudine e di amicizia, di insicurezze e di chi riesce a farcele mettere da parte.
Lea e l’elefante pagina dopo pagina racconta proprio ciò che provano oggi molti bambini. Spiega infatti come una bambina può sentirsi sola anche se è circondata da mille giochi, sottolineando l’incapacità degli oggetti di riempire un vuoto che solamente l’amicizia può colmare.

“Da sola puoi farcela, ma se staremo vicini, io potrò sempre aiutarti”

A chi vuole andare oltre l’apparenza,
A chi ama volare con la fantasia
A chi cerca, in una semplice storia, la vera amicizia.
Buona lettura!

Se ti piace il libro puoi acquistarlo qui:

Lea e l’elefante. Ediz. a colori

Kim Sena

Annunci

Sam vola tra le stelle …per sogni ambiziosi

sam-vola-tra-le-stelle-crescere-leggendo4

C’è un giorno, nella vita di ogni bambino, in cui il futuro arriva come una luminosa certezza.
Da grande voglio fare… Io scienziato! L’archeologa! La maestra! Il dottore!

La piccola Sam, che vive sulle montagne a un passo dal cielo, vuole fare l’astronauta e volare tra le stelle.

La storia ci insegna come le grandi donne e i grandi uomini siano ovviamente stati tutti bambine e bambini, ma con grandi sogni da realizzare. Anche la prima donna astronauta italiana, Samantha Cristoforetti, da piccola guardava il cielo stellato fantasticando, un giorno, di volare fin lassù.

Sam vola tra le stelle, di Fulvia Degl’Innocenti e Andrea Alemanno ed edito da Coccole books, racconta una storia che, con sognante semplicità, ricorda proprio le vicende della prima astronauta italiana: Samantha Critoforetti. A lei infatti è ispirata la narrazione, qui corredata da illustrazioni dallo sguardo delicato ed onirico, in cui trovano posto anche citazioni curiose.

sam-vola-tra-le-stelle-crescere-leggendo0

Sam, questa piccola bambina, sogna di volare in alto e guardare la Terra da lontano: pagina dopo pagina si capisce che il suo desiderio è davvero molto forte, tanto da farcela ritrovare, trent’anni dopo, all’interno di un’astronave, mentre osserva quel puntino tanto distante che è la Terra.
Sembra non ci sia nessuno laggiù…
ma se guardi bene, Sam, vedrai una bambina col naso all’insù che sogna di diventare un’astronauta proprio come te!
La consapevolezza che sia stato possibile raggiunger un obiettivo mai raggiunto prima viene portata ad esempio e incoraggiamento per sogni altrettanto ambiziosi.

sam-vola-tra-le-stelle-crescere-leggendo3

Sam vola tra le stelle è un albo illustrato per i piccoli, non può che essere un gran bel modello a cui ispirarsi.
Un libro per piccoli sognatori che come la piccola Sam sognano di vivere grandi avventure, credendoci davvero come solo un bambino sa fare.
Un libro che ripercorre quindi l’infanzia della piccola Sam, quando ancora era ben lontana dall’esperienza che noi tutti le avremmo poi invidiato… quei momenti in cui si limitava a sognare ad occhi aperti di arrivare lassù, fino alle stelle… senza sapere che un giorno avrebbe pronunciato queste parole:

“Wow, è molto più bello di come l’avevo immaginato!“

sam-vola-tra-le-stelle-crescere-leggendo2

Spesso pensiamo che forse c’è sempre tempo per decidere cosa fare da grandi, di certo non è mai troppo presto per sognare di volare, in tutti i sensi, molto in alto.
Una storia per raccontare a tutti i bambini che i desideri possono realizzarsi.
Basta volerlo davvero.

Se ti piace il libro puoi acquistarlo qui:

Fulvia Degl’Innoce

La Mucca che Voleva imparare a Volare

la-mucca-che-voleva-imparare-a-volare1

Tina ha un sogno: volare!
La protagonista è Tina, una mucca molto speciale, curiosa, che vuole sapere tutto di tutto e si fa sempre venire in mente idee geniali.
Peccato che le sue sorelle le trovino un po’ ridicole e senza senso, loro se ne stanno rinchiuse tutto il giorno nella fattoria a mangiare erba.

la-mucca-che-voleva-imparare-a-volare2

Finché un giorno Tina, in una delle sue escursioni nel bosco, non incontra un simpatico drago vegetariano che propone di impartirle delle lezioni di volo.
Neanche a dirlo, Tina ha sempre desiderato volare ed è determinata a realizzare il suo sogno!
Ma ne sarà capace?
E le sue sorelle continueranno a trovarla un’idea sciocca?

la-mucca-che-voleva-imparare-a-volare
La Mucca che voleva imparare a volare è un libro per stimolare autostima, immaginazione e determinazione dei piccoli lettori, trasmette ai bambini una delle lezioni più importanti:

i sogni possono essere realizzati
e nessuno ha il diritto di decretare il contrario.

Sopratutto ad accomunare una mucca che vuole imparare a volare ai bambini è sicuramente la curiosità!
Questo libro è per chi cerca una storia simpatica ma carica di significato, con illustrazioni coloratissime che catturano vivacemente l’occhio.

la-mucca-che-voleva-imparare-a-volare4

La Mucca che Voleva imparare a Volare con la sua semplicità introduce temi importanti: come il credere in noi stessi e perseguire sempre i nostri sogni.
Piace molto ai bambini che sognano grandi voli da un albero all’altro, ma sopratutto li aiuta stimolando la loro autostima e la determinazione!
Perchè, come ci insegna Tina, alla fine nulla è impossibile,
se si crede fermamente in quello che si desidera!
😉

…e poi non si sà mai, chissà forse il nostro sogno diventa anche il sogno di qualcun’altro… 😉

Buona lettura, per crescere sognado e leggendo ❤

La mucca che voleva imparare a volarare

Gemma Merino

Le tue impronte

Da Gabriella Cella ho imparato questo semplice e divertente esercizio, che potrà far­vi riflettere sul vostro modo di affrontare le situazioni della vita, provatelo.
Preparate a terra un cartone piuttosto ampio, possibilmente nero o comunque scuro e una bacinella o un contenitore piatto, in cui mette­rete uno strato di borotalco. Poggiate sul borotalco un piede nudo, sen­za premere forte, poi toglietelo adagio e appoggiatelo sul cartone nero.
Fate la stessa cosa con l’altro piede, quindi osservate attentamente  le  vostre due impronte.
Se l’impronta è carica verso il tallone, mentre le dita, e soprattutto l’ alluce, risultano leggere, siete portati a “volare” troppo frequentemente “di testa“, dovete insomma essere più realisti e “tenere i piedi a terra“. Ciò non significa che dove­te essere più materialisti, ma che non dovreste rincorrere solo il mondo fantastico immaginario dei sogni.
Se invece sono le punte delle dita più pesanti, mentre i talloni risultano leggeri, forse dovreste alleggerire un po’ la vostra testa dai pensieri ricorrenti, dalle preoccupazioni, dal la­voto troppo intellettuale.
Se l’impronta dei piedi tende alla pesantezza laterale, verificate se è di destra e se state lavorando troppo con “l’energia maschile“, con la forza, con la presa di potere.
Se l’impronta ten­de invece a pesare più verso il lato sinistro, verificate se siete in atteg­giamento di forzata “passività“, se vi state lasciando andare troppo agli eventi senza intervenire con la volontà che dovreste, e potreste, avere.
Riflessologia Plantare

Il più completo manuale di Riflessologia Plantare: dalla scuola classica alla teoria cinese dei cinque elementi, un’analisi dettagliata delle potenzialità di questa pratica millenaria nella terapia dei disturbi più comuni.

Arricchito da mappe di applicazione pratica del trattamento riflessologico suddivise per singole disfunzioni, il testo si rivolge a quanti, per professione o per interesse personale, scelgano l’efficace percorso della Riflessologia Plantare.

Una guida per entrare, anche attraverso le testimonianze di illustri riflessologi, nell’affascinante mondo dei riflessi del nostro corpo e scoprire la stretta relazione che lega psiche e soma.

La tua voce è la tua storia:Soul Voice

con Karina Schelde



Compralo su Macrolibrarsi

Per iscrizioni entro il 28/02/2010 € 33,33 + IVA  invece di 40,00 €!!!

“Karina apre le porte dei nostri cuori e mostra come ritrovare il nostro potere. Lascia che la tua voce venga sentita e ti riempirai di gratitudine per il resto della vita”.

Roy Martina


SOUL VOICE

Incontro esperienziale
con Karina Schelde
15 Marzo 2010 – Milano

oppure il 16 Marzo a Bologna

Libera la voce dell’anima!

Ti sei mai sentito incapace di esprimere a parole ciò che davvero volevi comunicare? Ciò che realmente stavi provando? E poi, a un tratto, hai iniziato a emettere un suono…
Il Soul Voice è un metodo che ti permette di trovare e liberare la tua voce attraverso i TUOI suoni e grazie al tuo peculiare modo di esprimerti. Il Soul Voice, unico al mondo, è un processo per risvegliare l’anima della tua voce, l’essenza di chi tu sei realmente.

Perchè partecipare?
Partecipare a un incontro esperienziale sul Soul Voice con Karina Schelde ti aprirà le porte di un mondo in cui i suoni rispecchiano esattamente il tuo universo interiore.
Attraverso semplice esercizi scoprirai come:

  • Liberare la tua voce e ENTRARE IN CONTATTO CON IL TUO CUORE
  • AFFRONTARE i tuoi limiti e le tue paure
  • Guarire e migliorarti seguendo la tua VOCE AUTENTICA
  • Raggiungere l’armonia e la bellezza di ESSERE ASCOLTATO
  • Comunicare al mondo CHI VERAMENTE SEI E CIÒ CHE VERAMENTE VUOI

Il Soul Voice ti farà urlare e gridare; ti farà innalzare e volare in così tanti inaspettati e imprevedibili modi, che rivelerai ciò che forse stai intrappolando da tempo dentro te stesso.

La tua voce è la tua storia. È superiore a tutti gli strumenti musicali perché ha anima, cuore e coscienza. È la via che porta alla luce la tua anima e che ti aiuterà a sperimentare il VERO BENESSERE E UN NUOVO EQUILIBRIO per comunicare al mondo CHI VERAMENTE SEI E CIÒ CHE VERAMENTE VUOI.
Gioca a liberare le tue energie e scopri la possibilità di trasformare la tua voce in pura manifestazione delle tue emozioni. Il mondo risponderà al tuo richiamo e il suono ti aiuterà a sconfiggere blocchi emotivi, fisici e mentali; a rilassarti e ad approfondire la consapevolezza di te stesso, in una vero e proprio percorso di rinascita.

Immergetevi in un cammino di continuo approfondimento,
guarigione, gioco ed autentica espressione

A chi è rivolto?
A tutti coloro che vogliono riscoprire la SACRALITÀ del loro essere.

Nello specifico può essere molto utile:

  • A chi si rapporta con persone con handicap e disagi
  • A chi sta seguendo un percorso spirituale
  • A chi pratica medicina alternativa
  • A psicologi e counselor
  • Agli artisti, come cantanti, attori e musicisti
  • A chi vuole approfondire le implicazioni che la terapia frequenziale ha sui corpi
  • A genitori e insegnanti
  • Ai bambini, per farli crescere sani e in armonia con il loro corpo

Il metodo Soul Voice

Il metodo Soul Voice è già diffuso in Europa e nel mondo. Le sue straordinarie tecniche di auto guarigione attraverso i suoni della propria voce stanno conquistando sempre più persone anche in Italia.
Il Soul Voice induce la voce ad attraversare i molti livelli del sistema energetico umano, al fine di annullare o dissolvere qualsiasi impronta estranea indesiderata. Eliminando limiti e influenze esterne, il corpo – non solo ritroverà il suo equilibrio – ma tornerà anche a ricordare l’illimitata creatività di quando era bambino.

“Siamo tutti energia vibrante”

L’incontro di Milano sarà il primo step di un cammino che potrà proseguire con la lettura del libro di Karina Schelde, La Voce dell’Anima – in uscita con Macro Edizioni – o attraverso i seminari che l’autrice tiene in tutto il mondo.

Dove e quando

  • Libreria Esoterica – Galleria dell’Unione (Angolo Piazza Missori) MILANO

Lunedì 15 marzo 2010 dalle 19 alle 22 PREMI QUI per maggiori dettagli >>>QUI

  • Centro Natura c/o Le Tate in Festa via Sant’Alò, 5 BOLOGNA
    Martedì 16 Marzo 2010 dalle 19 alle 22 per maggiori dettagli >>>QUI

A Natale puoi..

A Natale puoi
fare quello che non puoi fare mai
riprendere a giocare
riprendere a sognare
riprendere quel tempo
che rincorrevi tanto
E’ Natale e a Natale si può fare di più
è Natale e a Natale si può amare di più
è Natale e a Natale si può fare di più
per noi, a Natale puoi

A Natale puoi
dire ciò che non riesci a dire mai
che è bello stare insieme
che sembra di volare
che hai voglia di gridare
quanto ti voglio bene
E’ Natale e a Natale si può fare di più
è Natale e a Natale si può amare di più
è Natale e a Natale si può fare di più
per noi, a Natale puoi
è Natale e a Natale si può amare di più
è Natale e a Natale si può fare di più
per noi, a Natale puoi

Luce blu
c’è qualcosa dentro l’anima che brilla di più
è la voglia che hai di amore
che non c’è solo a Natale
che ogni giorno crescerà
se lo vuoi,  a Natale puoi

E’ Natale e a Natale si può fare di più
è Natale e a Natale si può amare di più
è Natale e a Natale si può fare di più
per noi…a Natale puoi


Grazie di cuore a tutte le magnifiche persone che ci hanno supportato
anche con un semplice messaggio.

Crescere Leggendo e La mente mente

A Natale puoi

fare quello che non puoi fare mai

riprendere a giocare

riprendere a sognare

riprendere quel tempo

che rincorrevi tanto

E’ Natale e a Natale si può fare di più

è Natale e a Natale si può amare di più

è Natale e a Natale si può fare di più

per noi, a Natale puoi

A Natale puoi

dire ciò che non riesci a dire mai

che è bello stare insieme

che sembra di volare

che hai voglia di gridare

quanto ti voglio bene

E’ Natale e a Natale si può fare di più

è Natale e a Natale si può amare di più

è Natale e a Natale si può fare di più

per noi, a Natale puoi

è Natale e a Natale si può amare di più

è Natale e a Natale si può fare di più

per noi, a Natale puoi

Luce blu

c’è qualcosa dentro l’anima che brilla di più

è la voglia che hai di amore

che non c’è solo a Natale

che ogni giorno crescerà

se lo vuoi,  a Natale puoi

E’ Natale e a Natale si può fare di più

è Natale e a Natale si può amare di più

è Natale e a Natale si può fare di più

per noi…a Natale puoi

Il Cielo ti Cerca

Compralo su Macrolibrarsi

In questa favola vera e illuminante, Richard Bach racconta, con la limpida semplicità di sempre, una storia di sogni e illusioni, speranza e voglia di libertà.

Jamie Forbes è un pilota che non si stanca mai di volare: ha accumulato dodicimila ore di volo, ha guidato ogni tipo di aereo, e ogni volta che accende il motore prova la stessa magica emozione. Oggi che ha i capelli bianchi, Jamie insegna a volare a quelli che, come lui, sognano di avere le ali.

Finché, un mattino di settembre, durante un volo gli giunge il disperato SOS di una donna, Maria: è a bordo di un piccolo aereo e il pilota, suo marito, ha avuto un malore. Jamie le parla via radio, con dolcezza e fermezza, e le dà istruzioni per un atterraggio di fortuna. Con la sola forza della mente, la convince di poter volare: la ipnotizza. Proprio come ha fatto con lui il leggendario illusionista Blacksmith, che molti anni prima lo aveva persuaso a credere di essere prigioniero in una cella di pietra – mentre le mani tremanti di Jamie toccavano solo aria.

Soltanto ora, di fronte all’atterraggio miracoloso di Maria, Jamie Forbes capisce quella vecchia lezione. E si rende contro dell’immenso potere della suggestione nelle nostre vite, imparando che dobbiamo essere noi a dare forma alla realtà, e non la realtà, con le sue illusioni e i suoi inganni, a plasmare i nostri sogni e impedirci di viverli davvero.

Perché, come il gabbiano Jonathan Livingston, se solo lo vogliamo, possiamo essere tutti liberi di volare

Scegli il buono regalo (gift card) Macrolibrarsi: LIBRI, DVD, EBOOK, EVENTI. Il modo sicuro per fare un regalo unico e di successo. Clicca per maggiori dettagli

Puoi guarire la tua Vita

L’Amore si sa, è uno dei più potenti strumenti di guarigione. Imparare ad accettarci e ad amarci esattamente così come siamo, è forse la lezione che tutti noi siamo chiamati ad imparare.
Spesso però siamo capaci di amare noi stessi e gli altri, solo se questo amore è vincolato da precise condizioni. E’ come se, in un certo senso, seguissimo la regola del cosiddetto ‘solo se…’ o ‘ solo quando…’
L’Amore è uno dei più potenti strumenti di guarigione
Mi amerò solo se… troverò un nuovo partner…quando dimagrirò… quando cambierò lavoro… se saranno gli altri ad amarmi per primi…. e la lista potrebbe continuare all’infinito.
A chi e a che cosa condizionate il vostro amore? E cosa succede quando anche solo una di queste condizioni viene meno? Cosa accade se non avete ancora trovato il vostro partner ideale? E se il lavoro dei vostri sogni pazienta ad arrivare? Cosa succede se anche gli altri, seguendo il vostro stesso ragionamento, si aspettano che siate proprio voi a fare la prima mossa?
Amare se stessi –dice Louise Hay – è un’avventura meravigliosa: è come imparare a volare. E’ vero, non è sempre semplice amarsi completamente: tutti noi, infatti, abbiamo i nostri piccoli e grandi difetti che a volte, ai nostri occhi, appaiono così evidenti, da ritenere impossibile l’atto di poterci amare incondizionatamente. Eppure, non è possibile imparare a volersi bene se non partiamo proprio dall’accettarci così come siamo, anche con i nostri difetti.
Ripercorriamo insieme, brevemente, le Dieci fasi ideate da Louise Hay per imparare ad amare se stessi, nella speranza di aiutare sia le persone che già hanno iniziato a farlo, sia coloro che vorrebbero cominciare ora.

1. CESSARE DI CRITICARCI:

le critiche e i giudizi spesso non servono per progredire verso il cambiamento che auspichiamo, bensì per tenerci imprigionati al passato e ai nostri vecchi comportamenti. Per esempio, se ci disprezziamo per la nostra incapacità di mantenere fede alla promesse fatte con noi stessi, non ci stiamo certo aiutando a realizzare il nostro obiettivo. Allo stesso modo, se ci ripetiamo di essere degli stupidi o degli incapaci, questo non ci renderà di certo delle persone migliori, e noi rimarremo solo bloccati nei sentimenti spesso ancora più dannosi del biasimo e del risentimento verso noi stessi. Ogni giorno è un nuovo giorno per attuare comportamenti diversi e provare ad abbandonare le tensioni create da atteggiamenti iper responsabili e ipercritici ai quali ci sottoponiamo continuamente.

2. SMETTERE DI SPAVENTARCI:
quante volte usiamo i nostri pensieri per rendere le situazioni peggiori di quello che realmente sono? Quante volte formuliamo pensieri capaci addirittura di terrorizzarci? Utilizziamo questo comportamento anche nella vita sociale: se qualche nostro collega d’ufficio incontrandoci non ci saluta, cominciamo subito a pensare che dobbiamo avergli fatto un torto, quando magari sta semplicemente pensando ad altro. Pensieri del genere non fanno altro che paralizzarci e non ci sono di nessuna utilità. Ogni volta che ci ritroviamo a formulare pensieri negativi, fermiamoci e riportiamo dolcemente l’attenzione ad una immagine per noi positiva (per esempio il tramonto), o ad un suono (magari il rumore del mare), oppure semplicemente ripetiamoci ad alta voce una frase positiva che ci aiuti ad uscire dal loop negativo nel quale siamo entrati.

3. ESSERE GENTILI, DOLCI E PAZIENTI CON NOI STESSI
la pazienza è davvero uno strumento straordinario. Troppo spesso pretendiamo che le nostre aspettative vengono soddisfatte subito, o che i cambiamenti che sentiamo necessari per noi e per la nostra vita avvengano quanto prima. Ma i nostri tempi spesso non coincidono con i tempi della lezione che siamo venuti ad imparare su questa terra: potrebbe infatti volerci più tempo del previsto oppure le cose potrebbero semplicemente non accadere secondo la nostra sequenza spazio-temporale. Tutti commettiamo errori mentre apprendiamo qualcosa di nuovo ed è solo se ci diamo il permesso di accettare questi errori e di imparare da questi, che progrediamo e miglioriamo veramente. E’ come quando abbiamo cominciato a camminare – dice Nicola Riva, insegnante certificato Louise Hay – se dopo il primo tentativo ci fossimo subito arresi o ci avessero detto che eravamo degli stupidi solo perché ci avevamo provato ma eravamo caduti, avremmo forse imparato più velocemente o meglio?’ Probabilmente no… e allora perché quando sbagliamo non possiamo semplicemente perdonarci e considerare l’accaduto un ulteriore passo verso il miglioramento?

4. ESSERE GENTILI ANCHE CON LA NOSTRA MENTE
trovarci a pensare a qualcosa di negativo non è certo la fine del mondo. Non dobbiamo odiarci perché facciamo pensieri negativi e nemmeno incolparci per le esperienze negative che abbiamo vissuto in passato. Un esercizio molto utile che Louise Hay consiglia in proposito è quello del rilassamento: quando ci troviamo tesi o spaventati semplicemente chiudiamo gli occhi e respiriamo profondamente per qualche minuto e mentre espiriamo ripetiamo a noi stessi ‘Ti voglio bene. Va tutto bene.’ In questo modo ci rilasseremo e allo stesso tempo invieremo al nostro cervello pensieri potenzianti.

5. LODARE SE STESSI:
così come le critiche deprimono il nostro spirito, le lodi lo risollevano. E’ importante dunque imparare a complimentarci con noi stessi per tutti i miglioramenti che siamo in grado di apportare alla nostra vita, e per tutti i cambiamenti che riusciamo ad attuare, anche per i più piccoli o per quelli che ci sembrano meno importanti.

Queste sono le prime cinque regole per imparare a volersi bene. Ed ora provate a pensare alla prossima volta in cui vi ritroverete a vivere una situazione che non vi soddisfa o in cui vi capiterà di formulare pensieri negativi… Come vi comporterete? Con quale frase potenziante sostituirete le solite vecchie critiche nei confronti di voi stessi? Come vi premierete per aver raggiunto quel traguardo, seppur piccolo, che vi eravate prefissi?

Accettati in modo totale per un’ intera giornata e stai a vedere che cosa succede!
Louise Hay

Pensare in positivo per ritrovare il benessere fisico e la serenità interiore

Compralo su Macrolibrarsi

Liberarsi da schemi mentali negativi, per aprirsi alla vita con un approccio ottimistico, significa servirsi del pensiero positivo come strumento indispensabile per vivere felici, all’insegna dell’amore e della pace.
L’autrice, affetta da una grave forma tumorale, è riuscita a sconfiggere il cancro grazie ad un processo di autoguarigione, attivato dal pensiero positivo.

.

Vola solo chi osa farlo

gabbianella-gatto

“Promettimi che non mangerai l’uovo”
stridette aprendo gli occhi.
“Prometto che non mi mangerò l’uovo”
ripetè Zorba.
“Promettimi che ne avrai cura finchè
non sarà nato il piccolo” stridette
sollevando il capo.
“Prometto che avrò cura dell’uovo
finchè non sarà nato il piccolo”.
“E promettimi che gli insegnerai
a volare” stridette guardando fisso
negli occhi il gatto.
Allora Zorba si rese conto che
quella sfortunata gabbiana non solo
delirava, ma era completamente pazza.
“Prometto che gli insegnerò
a volare. E ora riposa,
io vado in cerca di aiuto” miagolò
Zorba balzando direttamente sul tetto.

Queste sono le promesse che la gabbiana Kengah riesce a strappare in fin di vita ad un grosso gatto nero di nome Zorba. Kengah si era poco prima tuffata nell’oceano per acchiappare qualche aringa insieme ai suoi compagni, ma quando aveva tirato fuori la testa si era ritrovata sola in quell’immensità. Il resto dello stormo era volato via e il mare era una distesa di petrolio che presto l’avrebbe asfissiata penetrando tra le piume e tappandole tutti i pori. Con enorme fatica spicca il volo, raggiunge la terra ferma, ma precipita su un balcone di Amburgo. Ed è proprio qui che incontra il gatto Zorba cui affida l’uovo che sta per deporre. Ma come potrà Zorba tenere fede alle tre promesse fatte, in particolare a quella di insegnare a volare? Avrà certamente bisogno dell’aiuto dei suoi amici Diderot, Colonnello e Segretario, ma anche quello di qualcun altro…
Lo scrittore cileno, attraverso questo racconto-fiaba tocca temi a lui molto cari: parte dall’amore per la natura minacciata dagli atteggiamenti distruttori e menefreghisti dell’uomo e prosegue con la solidarietà e la generosità di esseri disinteressati e altruisti. Ma forse la cosa che maggiormente colpisce è il messaggio di speranza che trapela attraverso il riconoscere all’uomo non solo il ruolo di inquinatore e responsabile di disastri , ma anche quello di aiuto e contributo indispensabile all’equilibrio della natura in pericolo.
Un racconto dolce e forte allo stesso tempo, adatto certamente a bambini e ragazzi, ma in grado di catturare l’attenzione anche di adulti sensibili alle tematiche della natura e a quelle della solidarietà. Una solidarietà priva di confini e barriere. O forse sarebbe più corretto parlare di barriere che possono essere valicate con un pizzico di impegno e buona volontà.
A volte imparare a volare è un insegnamento che viene da chi meno ti aspetti. E non dimentichiamo:“Vola solo chi osa farlo”.

Storia di una Gabbianella e del Gatto che le Insegnò a Volare di Luis Sepúlveda


Prezzo € 7,00

Compralo su Macrolibrarsi

Alzati e goditi il presente

farfalla
Spesso accade che ti alzi al mattino, guardi fuori dalla finestra, vedi il cielo grigio e pensi “sarà un’altra giornata uggiosa”. Spesso accade che ti alzi al mattino, guardi fuori dalla finestra, vedi il cielo azzurro e pensi “sarà una giornata magnifica”. Spesso accade che non hai voglia di alzarti per guardare fuori dalla finestra, tanto sai che giornata sarà per te. Indipendentemente dal cielo grigio o azzurro, il cielo interiore ha il suo colore. A volte, quel cielo è nuvoloso, perché le nuvole sono la tristezza; altre volte, invece, è soleggiato, perché il sole è la gioia. E’ come guardare delle diapositive; scatto dopo scatto danno un’altra immagine; ti rendi conto di quanto è sottile la distanza dall’avere un cielo nuvoloso ad un cielo azzurro.

Stai sdraiato sull’erba, un letto di verde, con le mani incrociate dietro alla nuca; guardi il cielo e ti chiedi come può essere così bello perdersi nel profondo di quell’azzurro. Il sole ti accarezza e quel calore che sembra una coperta ti riempie di serenità. Chiudi gli occhi e ti godi quel momento così prezioso tanto atteso dopo un duro inverno, in cui freddo e gelo hanno graffiato il tuo volto e sono entrati nelle ossa. Ti godi quel momento perché è delle piccolezze che ti nutri, non di cose grandi. Non è lo sfarzo che ami per regalare a te stesso un momento di pura gioia. Eppure, a volte si corre dietro a quella tanto desiderata felicità che come tutti dicono, è farfalla. Una farfalla che svolazza felicemente intorno a te, portandoti a pensare quanto possa essere prezioso possederla, ma che infine ti gira intorno e si burla del tuo desiderio di agguantarla. Sorridi a questo pensiero, perché ti sei ritrovato molte volte ad aver pensato che essa, la farfalla, fosse rimasta impigliata nella tua rete, e poi ti accorgevi che la rete aveva una piccola e, quasi invisibile lacerazione, attraverso la quale fuggiva e ritrovava la sua libertà. In effetti, sei arrivato alla conclusione che la felicità non può essere catturata, né per un secondo, né per l’eternità.

Arrivato a questa consapevolezza, continui il tuo viaggio ascoltando, sempre ad occhi chiusi, i rumori intorno a te. Senti il cinguettio di un uccello, musica. Quella musica che ti ha accompagnato nella vita, come un’amica fedele, perché con essa hai imparato a viaggiare, sognare, volare, amare, ridere, piangere. E’ la musica che ha colmato la tua anima quando era rinchiusa nel tuo mondo così protetto; è stata l’unica a penetrare fino in fondo fino a procurarti un senso di pace apparente. In essa ti rifugiavi, perché attraverso le parole e la melodia ti proiettavi in un mondo che desideravi, ma che sembrava essere tanto lontano da te, quasi irraggiungibile. Musica, sono anche le tante parole che hai messo nero su bianco per esprimere i tuoi pensieri, i tuoi concetti, il tuo modo di essere e di pensare. Quelle parole che hai racchiuso in una raccolta che cresce di giorno in giorno, perché quante sono le parole non espresse con la penna, ma che ti porti dentro! Sono un fiume inarrestabile, tante sono; ti trascinano verso luoghi ignoti e lontani, dove sei sicuro che solo chi come te, vive di parole pensate, sussurrate, silenziose, inespresse, vitali, fraintese, può arrivare a gettarsi nel mare aperto per goderne pienamente la libertà.

Il mare. Nutri un rispetto enorme per il mare, soggetto di tanti tuoi sogni agitati. Ti incute timore, ma al contempo apre il tuo pensiero all’infinito. Lo guardi, lo ammiri, avendo sempre la sensazione di appartenere ad esso. All’orizzonte si confonde con quel cielo azzurro che ora ti sovrasta. Di notte, quando si insinua nei tuoi sogni, rimani impietrito davanti a quell’onda gigantesca che cavalca verso di te, provi per lui soltanto una senso di angoscia, perché ti porta via, ti trascina e ti catapulta nei suoi abissi; raggiungere la superficie diventa un’impresa folle, perché le tue forze vengono sempre meno. Senti un brivido scendere lungo la schiena e apri per un attimo gli occhi. Ritorni alla realtà. Il mare, pensiero concluso.

Rimani un attimo a fissare il cielo. Ti rallegri al pensiero che l’estate sta per bussare alla porta della primavera. Essa l’aprirà e lascerà posto al caldo che invaderà la natura.

Decidi di continuare il tuo viaggio attraverso i meandri dei tuoi pensieri. Il tempo passa lentamente e mai come a presente, hai avuto la sensazione che il tempo ti è amico. Un tempo galantuomo e amico. Colui che ha il potere di chiarire tante cose, ma che ha anche il potere di mettere a tacere tante cose. Il tempo, come la musica, ti è stato compagno, il più silenzioso, ma forse il migliore. Lui, però, ti mette anche in condizione di sviluppare una sorta di impazienza, perché vola per chi nulla attende, ma passa semplicemente, per chi aspetta qualcosa.

Tiri un profondo sospiro e pensi tra te e te, la pazienza: la virtù dei forti. Frasi fatte, parole già sentite un milione di volte e più, ma che danno tuttavia coraggio a non lasciarsi prendere dall’inquietudine, dalla frenesia di un qualcosa che forse mai potrebbe arrivare.

Improvvisamente, ti riscopri vulnerabile, più di quanto già non lo sei; sensibile, più di quanto questo non caratterizzi già la tua persona. Riscopri improvvisamente che le corde della tua anima sono accordate e la musica sprigionata, soltanto a sfiorarle, inebria i tuoi pensieri. Quelle corde che pensavi arrugginite dal tempo, dalla tempesta, dalle intemperie alle quali sono state esposte. Ti costringi, a volte, a metterle a tacere, perché tutto le fa suonare e le loro vibrazioni si adattano perfettamente allo stato d’animo che stai vivendo. Basta un soffio di vento ed esse iniziano a vibrare; basta un dolce pensiero ed esse cantano una melodia meravigliosa che staresti ore ad ascoltare. Hai la sensazione di sfiorare con le tue dita quella melodia e ne assapori addirittura l’essenza. Ti lasceresti cullare all’infinito, sicuro che quel sonno dolcissimo in cui scivoleresti, non può far altro che accrescere il suono di quella melodia.

Quella stessa melodia, che tanto vorresti canticchiare all’orecchio di chi te l’ha ispirata per renderlo partecipe alla tua gioia. Quella stessa melodia, che tanto vorresti trasmettere attraverso le corde dell’anima che al solo tocco vibrano. E’ quella melodia, quella che non si può registrare semplicemente su una cassetta ed ascoltarla alla radio; è quella melodia che è muta agli orecchi di chi non fa vibrare le sue corde dell’anima all’unisono con le tue.

Tiri un altro sospiro profondo e ti rendi conto che quella melodia, oggi, la stai ascoltando da solo, nella tua realtà, nel tuo presente. La stanza dell’anima è insonorizzata e nessun suono esce all’esterno; la porta è chiusa e non puoi aprirla, perché aprirla vorresti. Rimarrà serrata fino al momento in cui, non sentirà il bussare lieve e dolce di un’altra melodia desiderosa di fondersi con la tua e comporre un’opera. La fusione di corde che vibrano insieme in un crescendo senza fine.

Tutto silenzioso. Niente intorno a te si muove, neanche un filo d’erba. Apri gli occhi e guardi il cielo. Si è tinto di rosso, il sole va a dormire, non perché è stanco, ma per illuminare un’altra anima sdraiata su un letto verde. Un’altra anima che viaggerà con i suoi pensieri in mondi sconosciuti a coloro che non si tuffano nel mistero del proprio io.

Ti metti finalmente a sedere e ti scuoti i fili d’erba dai capelli; pensi, e pensi ancora; ma comprendi anche che è arrivato il momento di mettere fine ai tuoi pensieri. Se non altro, semplicemente per apprezzare quel tramonto.

Nulla importa se quella melodia non puoi farla ascoltare a chi ne ha scritto le prime note; nulla importa se non puoi suonare su quelle corde dell’anima il concerto di un’opera meravigliosa. La dolcezza struggente delle note si tramuterà in gocce di rugiada e bagneranno quei fili d’erba che hanno conosciuto il peso del tuo corpo. L’anima si ridurrà al silenzio, ma infine gioirà al ricordo di essere stata la protagonista di un concerto, il cui risalto saranno state la trasparenza, la limpidità, la semplicità nell’offrire se stessa a quell’io misterioso in cui ha nuotato abbracciando l’essenza della felicità, la dolcezza della musica, gli abissi del mare, la compagnia del tempo.

Chiudi un’ultima volta gli occhi per far penetrare dentro di te l’ultimo raggio di sole, debole, ma caldo.

La notte giunge repentina e sai che ti devi alzare. Non puoi rimanere seduto, ancorato al momento vissuto, l’oggi è diventato ieri; e l’oggi del domani non ti è dato di comprenderlo, finché non l’avrai vissuto. Abbi il coraggio di aspettare, ma non fermarti.

Alzati, cammina e goditi il presente.

Libro consigliato:



Bruce Davis

Il Richiamo della Gioia

Fai fiorire l’anima nella tua vita


Il Richiamo della Gioia ci stimola a trovare quella parte di noi che rappresenta più di quello che facciamo, di quello che abbiamo o pensiamo. È la spinta per ritrovare il nostro fiume interiore, le nostre passioni, il nostro benessere, la nostra verità. La gioia non entra nella nostra vita per caso, non deriva dal duro lavoro o dalla fortuna. La gioia è ricordare, aver fiducia e riscoprire le nostre risorse interiori. La gioia è creatività, è la nostra guida attraverso le molteplici scelte della vita. È la gioia che unisce mente e cuore, cuore e anima. Ognuno di noi è chiamato ad ascoltare il proprio cuore e a nutrirlo profondamente.

  • Ogni giorno possiamo decidere se farci travolgere dalle preoccupazioni della vita quotidiana o volgerci alla gioia. Ogni giorno ci vengono offerti preziosi momenti di quiete e di felicità interiore, che rappresentano il vero cibo per la nostra mente sempre impegnata e per il nostro cuore ferito. Siamo pronti ad accogliere questi momenti? La vita passa in fretta e prima che ce ne rendiamo conto i giorni senza gioia diventano mesi e poi anni. Vi sono mille scuse per non vivere nella gioia, ma vi è una sola ragione per vivere nella gioia: la nostra essenza è gioia. Ascoltare il suo richiamo significa ascoltare il richiamo della nostra anima.

Compralo su Macrolibrarsi